martedì 29 dicembre 2009

Scusate lo sfogo (post banale)

Uno cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, di non fare l'apocalittico; col tempo, impara anche a guardare senza pregiudizi le analisi secondo cui l'uomo nuovo che da appena quindici anni imperversa in Italia ha rappresentato una soluzione di continuità con le forme di potere paludato e ipocrita cui la sinistra si è sempre opposta, salvo far loro da scudo scandalizzata quando si è accorta che altri le hanno messe in discussione a modo loro. Uno, dicevo, capisce che i tempi cambiano, che non è detto che la storia debba ripetersi uguale a se stessa, che le forme di esercizio del potere possono cambiare. Uno, soprattutto, dice a se stesso che se si sta all'opposizione e si vuol cambiare, non è difendendo riti e liturgie e giacche e cravatte che si ottengono risultati. Uno che stava all'opposizione nella prima repubblica, soprattutto, arrivo a dire, prova un po' d'invidia per B. che incurante di tutto fa le corna ai vertici di capi di stato e di governo. Poi conclude che non è sovvertendo le forme che si fanno riforme e rivoluzioni, ma ritrovarsi a difenderle - le forme - e fare di questo una mission politica è ben triste. Triste, ecco. Che sa di retroguardia, che inibisce il camminare avanti. Poi però, capita anche che quell'uno che, dicevo, cerca di allenarsi a vedere il bicchiere mezzo pieno, un giorno sbotti e si avvicini pericolosamente a qualcosa che non gli piace: tipo il neomoralista alla dipietro, lo strillone che urla alla democrazia calpestata, al fascismo addirittura (che i confinati, i carcerati, i partigiani, gli ebrei deportati e mai tornati avranno le convulsioni nelle bare a sentire dipietri, ragazzini e anziani in preda a momenti di insensatezza cianciare di fascismo, oggi in Italia). No, non griderò sguaiato che ci sono i fascisti alle porte, non ridurrò alla difesa delle forme contro le corna ai vertici internazionali la voglia di cambiamento. Però mi vado sempre più convincendo che noi saremo pure diventati rigidi, grigi, incapaci a parlare con chi non la pensa come noi. Ma a quella retroguardia siamo costretti anche dal fatto che i nostri stomaci  e quelli di coloro cui non sappiamo più parlare si sono assuefatti alle pietanze più avariate. Perché nella prima repubblica paludata e grigia che ci vedeva oppositori colorati, neanche il più tangentaro degli assessori regionali socialisti arrivava al livello di volgarità di questo Davide Boni, che si trova al governo di una regione bella, operosa, civile e accogliente di nove milioni (9) di persone. E non è l'ordine del giorno che invita alla delazione contro lo straniero, lo scandalo. Siamo diventati di stomaco così forte, nel tempo, che arriviamo a inquadrare una bestialità del genere nella categoria degli strumenti di lotta politica. E' il "se poi l’amministrazione non dovesse intervenire, i cittadini chiamino pure direttamente noi della Lega" che fa rabbrividire. E' il far west portato nei palazzi da chi quei palazzi li dovrebbe governare con le leggi e invece lo fa con i cinturoni, a far paura. A dirci che la discarica è arrivata ad esaurimento, che il nauseabondo ha superato i livelli di sopportabilità. E' il partito di governo, si badi, che si fa legge da sé per scendere al livello delle viscere dei rappresentati che ci dice come siamo arretrati pure rispetto agli anni in pure tutto ci faceva schifo, nonostante oggi abbiamo internet e i cellulari.

lunedì 28 dicembre 2009

Wizzo Awards 2009

  • Disco in copyright: Marlene Kuntz - Cercavamo il silenzio
  • Disco in copyleft: Cartavetro - We need time
  • Libro: John Fante, prendetene uno a caso e perdonate se qui è stato scoperto con vent'anni di ritardo rispetto alla media
  • Film: Inglorious basterds

Il Natale di uno squinternato

Il blogger squinternato è quello che scompare per settimane e non dice niente ai pochi che passano dalle sue parti, neanche se in una di quelle settimane cade il Natale. E qui si è piuttosto squinternati. Al punto da mettere insieme cose diverse in un unico post, tipo: 1) che il Natale che è passato lo vedi anche dai maglioni nuovi con cui i colleghi vengono a lavorare il 26; 2) che non è male, il 26, constatare che il tuo peso è calato di un chilo; 3) che hai modo, durante le festività, di tornare alla tua città e di riparlare con gente con cui lo fai di rado diffusamente: li scopri diventati ferventi dipietristi, fai una smorfia, ti danno quasi del venduto, rispondi che li ritieni assai più simili ai berlusconiani di quanto loro stessi pensino per tutta una serie di ragioni oltre che perché come loro - i berlusconiani -, 'chi tocca il leader muore', torni a sorridere perché gli hai sempre voluto bene e continuerai a volergliene ma politicamente ti rattristi ancor più di quando hai sentito dire a Fini cose che da anni aspetti di sentir dire da chi dovrebbe rappresentarti e pensi che no, non è all'ordine del giorno che la sinistra si riprenda.

lunedì 14 dicembre 2009

Uno tra tanti

Sull'aggressione a Berlusconi, alla giusta condanna delle parole di Di Pietro mi sembra non sia seguita analoga riprovazione di quelle di gente come Capezzone, per dirne uno (entrambe le trovate qui). Eppure le due cose sono speculari nella loro strumentalità: l'uno, Di Pietro, sostiene che chi ha commesso l'atto l'ha fatto perché istigato dal comportamento del presidente del Consiglio; l'altro, Capezzone, dichiara che l'autore del gesto è stato istigato dai seminatori di odio contro il presidente del Consiglio. Entrambi (Di Pietro e Capezzone) squilibrati, entrambi a prendere spunto da un episodio intollerabile non per commentare e condannare il fatto in sé, ma per farne propaganda del loro modo di vedere le cose. Con una differenza: Di Pietro è uno, mentre Capezzone, a sostenere quelle cose nel suo schieramento, è uno tra i tanti.

domenica 13 dicembre 2009

Santo subito

Quest'uomo, oltre a sparare scientemente balle, sta toccando l'apice della sua pericolosità. Ma sapete che ora i suoi ne chiederanno con ancora più forza la beatificazione, sì?

venerdì 4 dicembre 2009

Spacca

Su X Factor qui ci si è già espressi in termini critici. Ma il vincitore ha una voce e un talento di cantante che spaccano. Il problema è cosa gli faranno cantare.

lunedì 16 novembre 2009

Inerzia

Oltre a quella di dover sorbirsi l'accusa di aver causato una quantità innumerevole di conseguenze, dalla crisi economica attuale alla scomparsa della foca monaca, tra le tante colpe che è chiamato ad espiare chi ha fatto il '68 in una posizione di qualche rilevanza, c'è quella di aver fissato, suo malgrado, il tempo a quarant'anni fa. Nel senso che una certa quantità di persone, quando ha l'occasione di vederti dopo tanti anni, se non sei Giuliano Ferrara, Massimo D'Alema o Paolo Liguori e non ti si vede mai in tv, vuoi per la poco resistibile tentazione di riportare le lancette a quando era giovane - vuoi perché nel frattempo non ha fatto grandi passi avanti e ritiene possibile, qui e ora, l'assalto al cielo così come lo si perseguiva quando le strade erano piene di 500 - ti desidera come eri: niente compromessi, neanche col salumiere sotto casa, eskimo, megafono, playlist, pardon, cassetta con Nomadi e Shel Shapiro e via luogocomuneggiando. E' quello che, in parte, succede a gente come Guido Viale, che venerdì scorso era, spalleggiato suo malgrado dal titolare qui, a presentare il suo ultimo libro davanti a una platea variegata e popolata, quindi, anche da quella particolare fauna umana di chi non tiene conto dell'ambiente in cui vive. Nel senso che Viale presentava un libro che parla tra le altre cose di energia, rifiuti, trasporti e indica una modalità di lavoro e di cambiamento basata su approcci soffici e assecondanti la natura, dialogante perché si basa su competenze diffuse nei territori e quindi potenzialmente egemone anche perché di buon senso, che se applicata rovescerebbe i modi di vita cui siamo abituati e avrebbe se non altro il merito di farci vivere, mangiare, respirare e spostarci meglio e ingurgitando meno veleni di quanto siamo costretti a fare oggi. La cosa è andata bene, partecipata, tanto che alla fine si è dovuto troncare l'incontro perché la sala doveva essere preparata per il successivo. Ma in più di qualcuno - ché magari, vista l'età, il 68 l'ha solo letto sui libri o visto in bianco e nero - intervenuto pubblicamente e non, si notava una certa insofferenza perché Viale parlava di cose giudicate minime rispetto alla rivoluzione totale di cui era fautore quarant'anni fa. Qualcun altro ha estratto dalla tasca dell'eskimo la contrapposizione riforme-rivoluzione. Tanto che Viale stesso è stato costretto a dire esplicitamente che si considera più radicale ora di quanto lo fosse nel '68, perché oggi più consapevole e quindi meglio in grado di raggiungere l'obiettivo. Brutta cosa la vecchiaia, a volte. Anche se sulla carta d'identità non hai tutti gli anni che dimostri.

giovedì 12 novembre 2009

Gerontoche?

Sì, la gerontocrazia regnante in Italia ci ha scocciato. Ma sentirsi dare del ragazzo a quarant'anni suonati da uno che non conosci e che a occhio e croce potrebbe essere più giovane di te dà gusto. Ammettiamolo.

Se volete sapete dove trovarmi

Domani il titolare di questo blog farà una chiacchierata in pubblico a Perugia, nell'ambito di Umbrialibri, con Guido Viale per presentare il suo (di Viale) ultimo libro "Prove di un mondo diverso". Qui i riferimenti.

mercoledì 11 novembre 2009

venerdì 6 novembre 2009

Strumentale ma non troppo

La stringa "annozero di ieri" dirotta da Google diversi visitatori su questo blog. Quindi ci torno: sull'argomento della puntata di annozero di ieri, appunto, non posso dire nulla, perché della questione del consiglio comunale di Fondi in odore di mafia so assai poco. Due riflessioni a margine però, se è lecito chiamarle così, ci sarebbero. La prima: ha ragione Saviano citato nel pezzo di Travaglio, la criminalità organizzata non è né di destra né di sinistra, sfrutta ogni occasione, s'insinua ovunque e costruisce alleanze con chi fiuta che le consente gli affari migliori. E sia a destra che a sinistra trova sponde, purtroppo. Il punto è che a sinistra ci si vergogna un po' del fatto a Caserta il Pd conta più iscritti di quanti ne ha nell'intera Lombardia, mentre ieri sera, tanto per dire, il senatore Fazzone (Pdl) uno dei grandi accusati nell'affaire Fondi, solo dopo aver ululato insulti o giù di lì contro chiunque gli faceva rilievi critici, solo dopo aver cercato peli nell'uovo per tre quarti della trasmissione - a tratti anche con punte di comicità - si è detto contro la criminalità organizzata, dando tanto l'impressione di fare una cosa più dovuta che sentita. La seconda: che un soggetto con l'italiano claudicante di Fazzone diventi senatore della repubblica, la dice abbastanza lunga sullo stato in cui siamo ridotti.

mercoledì 4 novembre 2009

Bestemmia

Un tempo avrei salutato positivamente, se non gioito, per la sentenza della Corte europea per i diritti dell'uomo sui crocifissi. Oggi me ne frega relativamente poco. Essendo senza religione, quell'oggetto, pure carico dei significati che ognuno ci mette sopra, rimane un oggetto, appunto: inoffensivo. Tra l'altro, non so voi, ma quando lo vedo retto da catenoni e impigliato tra i peli del torace scamiciato di qualche omone, non ne ricavo mai una bella impressione su chi lo porta addosso, ma questa è la mia parte snob che parla. Ma sono senza religione, dicevo, e non so come reagirei al vedere il cristo in croce nell'aula dell'asilo di mia figlia se ne professassi una diversa dal cattolicesimo; anche se il concetto di farsi offendere da un oggetto, a meno che non ti cada in testa, mi risulta difficile da metabolizzare. Così come mi risulta difficile capire come ci si possa sentire più vicini a dio bestemmiando mentre lo si abbassa al livello di un oggetto. E non parlo di vaticani, cardinali, vescovi e via porporeggiando: se vogliono il loro logo appeso ovunque difendono il core business dell'azienda per la quale lavorano, vanno capiti. Mi stupiscono semmai i papà come me e le mamme come mia moglie che, a differenza di me e mia moglie, considerano una ferita la mancanza di un oggetto dall'aula frequentata dai figli: manco si trattasse di banchi, sedie o termosifoni, ché senza di quelli non si fa lezione. In quella frequentata dalla mia ad esempio, il cristo in croce non c'è - se non sbaglio, ma non c'ho mai fatto caso bene a dire il vero - eppure finora non m'è mai capitato di sentire di bambini posseduti da satana lì dentro. E fin qui siamo a cavallo tra il professare una religione ed essere superstiziosi: voglio il crocifisso in aula e mi tengo il corno rosso nel bauletto dell'auto insieme al santino di padre Pio, che hai visto mai. Mi frega relativamente poco della presenza di un oggetto in un luogo pubblico, dicevo. Ma sono loro, i veneratori dell'oggetto che mi inducono nella tentazione di scendere nell'agone. Perché quando li vedo ebbri delle loro certezze e bramosi di fare dei loro simboli, delle loro pratiche, delle loro credenze, i simboli, le pratiche e le credenze di tutti, percepisco come non la sinistra o il laicismo, che non c'entrano niente, ma il liberalismo sia per loro materia mai digerita. E' in questo continuo ricorso alla tradizione, all'autorità costituita, a delle radici confuse con un pezzo di legno appeso a un muro che vedo un passato che non passa. E' in questo considerarsi ombelico delle verità che si scorge la povertà di un punto di vista che se solo si oltrepassano le Alpi a nord (solo dopo i Pirenei c'è una situazione simile alla nostra in Europa) è incomprensibile ai più. Appendentelo pure dove volete il vostro crocifisso e toccate ferro mentre salite sulla scala, che magari potreste anche cadere, poveri voi che pensate che dio vi premierà per questo.

Disegnare l'immaginario collettivo

La differenza tra Berlusconi e i suoi avversari è questa: quando governava Prodi c'era Visco che provava orgasmi a sanguisugare gli italiani, oggi c'è un grande debito pubblico che non consente al governo di mettere in campo risorse per fronteggiare la crisi e/o tagliare le tasse.

martedì 3 novembre 2009

I puntini sulle i

Ida Dominijanni sul manifesto: "Una bussola che aiuta a distinguere fra il caso Berlusconi e il caso Marrazzo: l'uno denudato dalla denuncia - politica - del suo sistema di potere da parte di sua moglie (e poi di altre testimoni), l'altro da un agguato - antipolitico - di quattro carabinieri nella casa - privata - di una trans. Differenze troppo sottili e troppo scomode per chi preferisce cavarsela con la graduatoria del disdoro fra escort e trans".

lunedì 2 novembre 2009

Pane al pane

Poiché non ho gran tempo per scriverne, segnalo la recensione della presenza di Bersani da Fazio fatta da Matteo Bordone, ché lui (Bordone) non lo sa, ma ha scritto anche per me. (qui, invece, c'è l'intervista)

Giù giù giù

Non posso dire di aver smesso di seguire il Tg1, non foss'altro che quando mi capita lo guardo per capire a che punto si può arrivare. Ieri sera però è stata una delle tante volte che alle 20 non ero davanti alla tv. Di come hanno dato la notizia della morte di Alda Merini mi hanno riferito scandalizzati nella vita reale e in quella davanti al pc.

Numeri


Solo per ricordare che i termini del problema sono questi.

Poi

Un tempo erano riunioni fino a notte, documenti, ordini del giorno, votazioni, rotture di amicizie, litigi sul patrimonio e sui simboli, lacrime e pagine sui libri di storia, a volte. Poi arrivò Rutelli. E la scissione diventò light.

domenica 1 novembre 2009

Adesso è facile

Il pezzo che gli Afterhours hanno scritto per Mina e cantato e suonato con lei: qui.
Aggiornamento: io ci ho messo quattro-cinque ascolti per arrivare a capire che è bello. Tanto.

venerdì 30 ottobre 2009

Per quel che vale

Solo per mettere a verbale, per quel che può valere, che questo blog vorrebbe giustizia, che è facile farla in un caso come questo e che da ventiquattr'ore in tanti mi chiedono: "Hai visto le foto?" e io rispondo "no", perché davvero non ho il coraggio di guardarle, tanto me lo chiedono scandalizzati.

Eccessi

Si può arrivare ad essere così imbevuti di preoccupazione per il riscaldamento del pianeta da essere preoccupati quando arriva una bellissima e tiepida giornata di fine ottobre invece di godersela? Vivete, ambientalisti ortodossi, vivete.

Parlare di politica

Conversazione tra due anziani captata al parco (è tutto vero):
A - Che poi, che gusto se proverà?
B - Eh, che ne sai, lì bisogna anche vede' chi lo pijava.

Avviso a chi passa di qui

Oggi il blog è in vena di cose effimere, che poi dipende da come le si guarda, perché potrebbero non esserlo.

martedì 27 ottobre 2009

Outing (mani pulite)

Non ho votato alle primarie del Pd. Non l'ho fatto per tutta una serie di motivi che hanno stancato me, figuriamoci se li vengo a dire a voi. Però penso che A) Bersani sia stata la scelta migliore; B) per fortuna l'hanno fatta altri senza che io stavolta mi sporcassi le mani.

Assuefazione

Gramellini: "Che il capo del governo sia venuto in possesso di un video contro Marrazzo non in quanto capo del governo ma nelle vesti di proprietario di un'impresa di comunicazione è qualcosa di cui sembra non essersi accorto nessuno". Il resto qui.

Berlusconi e Marrazzo impari sono

Non mi dilungo, ma delle differenze ci sono. A prescindere dalla battuta fatta qui ieri e a cominciare da come sta reagendo il secondo.

sabato 24 ottobre 2009

Milano, 22/10/2009

Sarà perché la sua voce ti dice "zitto e ascolta" sia che canti, che parli, sia che legga pagine di libro; sarà per la precisione metronomica e melodica di Martin Casey, sarà per il lucidissimo rumoreggiare di Warren Ellis; sarà perché vederli così, in tre su un palco scarno coi fili volanti come se stessero in sala prove, è assai emozionante per chi le sale prove le ha frequentate; sarà perché la lettura di Stefano Benni mi ha rapito e quando è apparso sul palco mi sono detto: "C'è anche Benni, lo vedi che alla fine qualche conto torna?"; sarà perché quando hanno fatto "Tupelo" in tre, acustica e tirata come se fosse elettrica, stavo per abbracciare quello davanti in platea che si agitava sulla sedia come me; sarà perché quella che ho sentito l'altra sera è stata l'ennesima versione di "The Mercy Seat", diversa dalle altre eppure sempre dilaniante; sarà perché non so in quanti siano in grado di riempire teatri facendo pagare decine di euro di biglietto per presentare l'ultimo libro scritto; sarà perché è stato più di un reading e più di un concerto perché un po' l'uno e un po' l'altro ma entrambi originalissimi; sarà perché sono un suo fan e prima o poi mi dovrò acconciare ad ammetterlo, ma credo di aver assistito all'ennesima bellissima performance di Nick Cave.
Aggiornamento: qui, qui, qui, qui, qui e qui un po' di pezzi della serata.

venerdì 16 ottobre 2009

Destra e sinistra

Sarà che la persona che avevo davanti (lui, L) è dichiaratamente di destra; sarà che io (I), nonostante tutto, mi sento di sinistra; sarà che il dialogo mi è sembrato condensare alcune delle differenze che ci caratterizzano; sarà che non sono Norberto Bobbio, in grado di scriverci un saggio e che il massimo che posso fare è questo:
L: hai visto il video di quei due che scippano la vecchina e lei cade e muore?
I: sì, mado' che pena che mi ha fatto!
L: Beh, ma li hanno presi.
I: sì, ma lei è morta.

Brutta cosa


Inutili, dannosi, noiosi

Più che esprimere i giudizi che credo possiate immaginare su una testata che mette una telecamera appresso a un giudice e confeziona, si fa per dire, un servizio così, mi viene una domanda: che fumiate o non fumiate, se voi doveste aspettare il vostro turno fuori dal barbiere, vi comportereste in maniera diversa?

mercoledì 14 ottobre 2009

Bastardi

Volevo dirlo da giorni, altri si lamentano di essere arrivati in ritardo e sono in vantaggio su di me di una settimana (che blogger fuori dal tempo che sono). Comunque: Bastardi senza gloria lo vado ancora mettendo a fuoco a giorni dalla visione, e in generale, dice un luogo comune, questo accade con i film (come con i dischi e i libri) migliori. Bando alle ciance, quello che volevo dire è questo: solo la protagonista che si trucca sulla musica di un David Bowie da paura meriterebbe il prezzo del biglietto.

martedì 13 ottobre 2009

Bah

Ecco, per capire a volte occorre andare per esclusione. Questa ad esempio, è una lettura secondo me del tutto fuorviante, inutilmente apocalittica e per questo forse anche deleteria del momento che si sta vivendo in Italia.

Bella

L'ennesima bella.(qui in versione acustica). In Italia pochi come Samuele Bersani sanno dare una forma così ben definita e mai banale alle canzoni.

lunedì 12 ottobre 2009

Fuori tempo

Uno prova a capire se lo fa scientemente o se ha perso la testa, propende per la prima ipotesi, cerca di mettere a fuoco meglio le cose per scriverle e poi si trova sempre superato dagli eventi.

venerdì 9 ottobre 2009

Sensi delle misure




Poveracci

Ida Dominijanni sul manifesto di oggi trova le parole per dirlo:
Ma può anche succedere, a Berlusconi succede sempre più spesso, che la concitazione gli strappi dalla faccia la maschera di cerone con cui di solito si ingessa in tv, e che improvvisamente ci appaia com'è in natura: un poveraccio circondato da poveracci, uno che non sa più che fare di se stesso e come tutti quelli che non sanno che fare di se stessi se la prende con la prima donna che gli capita a tiro. "Vedo che c'è la signora Bindi, che è sempre più bella che intelligente (...) Per l'occasione peraltro ritrovano la lingua anche molte colleghe che in questi mesi l'avevano perduta (...) è lecito chiedersi se anche sulla dignità delle donne valgano due pesi e due misure? La dignità delle donne vale doppio nel caso che la donna in questione sia una parlamentare, e vale la metà nel caso di mogli, giornaliste, per non dire delle escort? (...) Lo sa anche il premier, che sono le donne che lo stanno mandando a casa. Da sua moglie a Rosi Bindi, una vera persecuzione, altro che i giudici. 'Sono una donna che non è a sua disposizione' e 'dico la verità' sono precisamente le due cose che Berlusconi e quelli come lui da una donna non possono sopportare: gli si rompe uno specchio in cui ricompongono a fatica un sé inesistente.

giovedì 8 ottobre 2009

Belli e intelligenti

Non illudetevi voi di sinistra, scandalizzati di fronte a questa cosa qui. Mentre voi strabuzzavate gli occhi ieri sera davanti a una frase degna di un ubriaco in bettola (io per fortuna già dormivo) l'elettorato del PresdelCons sorrideva soddisfatto per la splendida battuta.

lunedì 5 ottobre 2009

Potrebbe capitarti

Che a stare a LA, leggi il primo ottobre che Yorke e Flea hanno fatto un gruppo insieme e che il giorno dopo suoneranno il concerto di prova, trovi il modo di entrare e vedi la roba che invece, stando qua, vedi solo nei video in fondo a questo post.

venerdì 2 ottobre 2009

Successo di pubblico

Già diverse persone stamattina sono arrivate da queste parti indirizzate su questo post digitando sui motori di ricerca la parola Annozero. Mi spiace per loro perché la puntata alla quale si riferisce il post è quella della scorsa settimana, non quella del botto d'ascolti di ieri con Patrizia D'Addario. Sono contento perché questo blog gode in maniera del tutto immeritata di una briciola d'eco del successo di Santoro. E se l'eco arriva fin qui è segno che Santoro ha tutto il diritto di godere.

giovedì 1 ottobre 2009

Il mondo visto a testa in giù

Vedere il giornale del premier del fratello del premier che si scandalizza perché viene corteggiata una escort e vedere un giornale molto vicino al premier-proprietario della tv commerciale che ha inventato le veline che si scandalizza accusando qualcuno di cercare il pieno di ascolti ricorrendo a sesso e bugie dà proprio un effetto di straniamento.

Che poi c'è anche quest'aspetto

Qui si riprende, analizzandone un ulteriore aspetto, la cosa che si è più o meno rozzamente tentato di analizzare qui. Lo si fa con leggerezza, sapienza, col sorriso e senza seriosità inutili, ma lui è Gramellini e qui scrive wizzo.

mercoledì 30 settembre 2009

Fortissimamente spero

Letto qui, la speranza di non incappare mai in alcun procedimento giudiziario si rafforza enormemente. Se poi avete voglia di spendere un euro e venti sul Libero di carta, a pagina 19 c'è un grafico sugli e(o)rrori commessi dagli inquirenti che vale il prezzo del giornale.

Cinque ipotesi

Qui si è maestri nel non capire il pop. Di più: non solo spesso e volentieri non si apprezzano la musica, i programmi tv, il cinema pop - che poi esisterà il cinema pop?, boh!, insomma il cinema easy, quello della battuta nuda e cruda alla Vanzina, per capirci -, ma non si riescono a cogliere i meccanismi che rendono quelle cose lì piacevoli al grande pubblico. E dire che dietro "Uomini e donne" oggi, come dietro "Non è la Rai" ieri, per dirne un paio, ci sono raffinatezza e sapienza nel saper incrociare i gusti del pubblico, ci sono fior di staff e professionisti che padroneggiano i mezzi con cui operano e lavorano e con profitto, a quanto pare. Ecco, le leve agite da quella raffinatezza, qui sfuggono. Si è proprio fuori, insomma, pur cogliendo in qualche modo la portata delle cose. Sarà quindi per questa innata incapacità a capire la ggente, per questa inconciliabilità col pop che non si capisce come le batterie del PresdelCons continuino a riservare raffiche di munizioni contro programmi tv, o singoli brani tutto sommato innocui come Annozero o Parla con me. Programmi ben fatti da bravi professionisti che, qualcuno mi corregga se sbaglio, mi sembra parlino a chi già dal premier è distante galassie. Programmi pop insomma, ma solo a sinistra. Alzi la mano chi pensa davvero che, non dico neanche solo una puntata, ma un'intera stagione di travagli, annizeri, e Dandini possa spostare simpatie politiche in Italia. No, semplicemente, dopo aver gustato trasmissioni del genere, l'elettore anti B. si alzerà dal divano con nuovi motivi per la sua opposizione e un po' di bile in più nel sangue, mentre l'elettore pro B. nel mentre avrà spento la tv o cambiato canale per vedere qualche bagaglinata, televendita o colpogrosso (a proposito, lo trasmettono ancora?) o magari un magnifico su Rete4. Lo dice anche lui, il PresdelCons, che anzi, come da copione, esagera sostenendo addirittura che Santoro e la Dandini gli portano voti. Io non so se gli portino voti, sono però convinto che le elezioni non si vincono solo con la tv. Che la tv può plasmare nel lungo periodo, ma che per plasmare attraverso un singolo programma televisivo devi essere proprio un mago, altro che pop. Ecco perché, constatando l'indefessa campagna che Feltri&C. stanno riservando ai programmi Rai che mostrano versioni di B. che a B. non piacciono, qui ci si chiede: perché? E ce lo si chiede perché quella dei giornalisti è una libertà vigilata; anche quella dell'apparentemente inflessibile Feltri, il quale se facesse una cosa davvero scomoda per o a prescindere dal suo datore di lavoro (pardon, dal fratello del suo datore di lavoro), volerebbe, metaforicamente parlando, dalla prima finestra della redazione che si trovasse aperta. Schematicamente, ecco le ipotesi di spiegazione a tanto dispiegamento di risorse: A) davvero lui, B., e i suoi non tollerano, anzi, proprio non concepiscono che si possa criticare chi è stato eletto in libere elezioni, qualsiasi cosa egli faccia successivamente alla sua elezione o abbia fatto prima; B) davvero lui, B., e i suoi pensano che con le tv si possa plasmare il carattere di un elettorato e che anche singoli programmi ben fatti da bravi professionisti che nuotano come salmoni in un fiume che va in direzione contraria possano inficiare la buona reputazione del PresdelCons; C) la campagna di Feltri&C. è un diversivo per parlare d'altro, per distogliere l'attenzione dalla questione vera (le escort e Tarantini a Palazzo Grazioli, lo scambio sesso-potere, gli incarichi pubblici offerti in base a chissà quali credenziali); D) la campagna di Feltri&C. è una tattica per rinsaldare le fila di una parte politica sfilacciata additando i nemici e gridando: occhio, il capo è in pericolo; E) un po' di tutto questo messo insieme.

venerdì 25 settembre 2009

Due cose su Annozero di ieri

Il curriculum di Vittorio Feltri snocciolato da Filippo Facci (qui, dal terzo minuto in poi) e Concita De Gregorio che, sulla base delle dichiarazioni messe a verbale da Giampi Tarantini e ricordate da Travaglio ("Il ricorso alle prostitute e alla cocaina si inserisce in un mio progetto teso a realizzare una rete di connivenze nella pubblica amministrazione, ho pensato che le ragazze e la cocaina fossero una chiave di accesso per il successo nella società", qui), tenta di dire della rilevanza pubblica che riveste la vicenda Tarantini-Berlusconi-D'Addario e del suo essere in qualche modo specchio dei tempi, prima di essere interrotta da Belpietro e Bocchino presenti in studio che - chissà se perché ci fanno o perché ci sono - approfittano di entrare in scena per dire che la droga non c'entra col PresdelCons. Che non era di questo che si parlava, cioè del rapporto droga-PresdelCons, è chiaro. Era dello strumento donna e dello strumento droga candidamente accomunati da Giampi - vero paradigma contemporaneo, in questo senso - nel suddetto verbale. Così come è chiaro che su Youtube trovi litigate epiche, scambi di insulti, interventi integrali di Travaglio e gaffes varie, ma di una giornalista che ragiona su come la figura della donna sia ridotta oggi qui, nell'Occidente senza burqa, non trovi alcun cenno. E anche questo è un segno dei tempi su cui varrebbe la pena riflettere, sinistri travagliati.

giovedì 24 settembre 2009

Termini di paragone (dello scivolamento verso il basso)

"Beh dai, però X-factor è meglio di Amici". "Certo, e una sbucciatura al ginocchio è meglio di un incidente d'auto"

Il Fatto dimenticato

Stamattina i lettori del giornale antiberlusconiano, pardon, d'opposizione (così l'ha definito il direttore Padellaro) "Il Fatto", hanno saputo che la maggioranza ha approvato ieri al Senato la misura dello scudo fiscale da un minuscolo richiamo in prima che rimanda a pagina 16, dopo che nelle pagine precedenti del giornale, tra le altre cose, si è letto della spoliazione della Rai, di "mondo-web" e di palinsesti televisivi e, in prima, si è ripercorsa una carrellata di storiche dichiarazioni antiberlusconiane di D'Alema al fine di bastonare lo stesso D'Alema. Per carità, i giornalisti sono tra i professionisti più consigliati del mondo. Nessuno si sognerebbe di suggerire a un ingegnere a che altezza far correre un ponte, a un architetto dove aprire le finestre di una casa, a un dentista che tipo di trapano usare per togliere una carie. I giornalisti invece, il giorno dopo, cioè quando il frutto del loro lavoro del giorno prima è tra le mani dei lettori, oltre - se sono intellettualmente onesti - a farsi l'autocritica, subiscono le critiche degli altri: ed è anche un bene che camionisti, disoccupati, casalinghe, pensionati, professori universitari, imprenditori, politici e tanti altri, si premurino di chiamare le redazioni per dare consigli su come andavano impaginate certe notizie, per carità. Perciò non aggiungerò il mio e me la caverò con una battuta. Forse ai giornalisti del Fatto è sfuggito che la misura dello scudo fiscale è stata approvata dalla maggioranza di Berlusconi. Ber-lu-sco-ni. Capito?

mercoledì 23 settembre 2009

Dislingua

Perché siamo nella civiltà della dislingua (consentitemelo un neologismo), dove le parole e le definizioni non solo non hanno più senso, ma assumono addirittura il significato opposto (cfr: guerra, pace con le sue varianti, tipo missione di pace); e i provocatori diventano vittime. Ecco, siamo nella dislingua, dicevo, sennò sarebbe da stupirsi del livello di creatività che fa arrivare ad inventarsi una cosa che si chiama scudo fiscale, intendendo con quella definizione una sottrazione di capitali evasi al fisco dal normale regime tributario cui sono sottoposti i guadagni di ognuno di noi. E' come se ci si inventasse uno "scudo omicida" che consenta a particolari categorie di delinquenti di poter uccidere, dichiararlo poi in seguito ed evitare così la galera attraverso il pagamento in denaro di una modesta sanzione. L'accettereste voi, lo scudo omicida?
PS: astenersi spiegazioni di economisti rompiballe, grazie.

Il Fatto (giudizi in libertà)

Del Fatto, andato oggi per la prima volta in edicola, mi piacciono: alcune delle firme, la pagina 22 (quella in cui si spiega l'articolato assetto societario, si presenta la redazione e in cui, infine, l'art director illustra la ratio del progetto grafico), la striscia di Stefano Disegni, lo "sberleffo" di Sandra Amurri a pagina 8 in difesa dell'Alessandro Robecchi condannato da Rina Gagliardi e diverse altre cose: su tutte, il tentativo - sincero, mi sembra - di fare un giornale senza padroni, cioè tentando di darsi l'unica garanzia di libertà per i giornalisti che ci lavorano (ma su questo il manifesto rimane insuperabile). Non mi piacciono: alcune delle firme, la scelta del titolo di apertura e il sito (www.ilfattoquotidiano.it) che non c'è.

Delitto a sfondo de che?

In uno di questi network radiofonici costretti dalla legge a dare un gr che snocciola notizie con lo stesso calore con cui una catena di montaggio sforna merendine di quart'ordine, mi è capitato di sentire di questa notizia condita con i vieti "delitto a sfondo gay" e "omicidio a sfondo omosessuale". Non so, e neanche m'interessa sapere, quali sono i motivi che hanno portato alla tragedia. So solo che se un uomo uccidesse una donna e poi si suicidasse (il contrario, come sapete, è statisticamente più raro) e li si trovasse entrambi dentro al letto in mutande, il cronista non parlerebbe mai di "delitto a sfondo eterosessuale".

giovedì 17 settembre 2009

Nervi tesi

So che può essere comodo, ma quando ricevi diverse decine di mail al giorno e magari vai anche di fretta, cominci a detestare tutti quelli che chiedono la notifica di ricezione del messaggio.

mercoledì 16 settembre 2009

Fuga di chitarre

Mi hanno raccontato la storia di questo gruppo, che è italianissimo, ha fatto un demo, l'ha spedito a tutta Italia e a mezzo mondo. I suoi componenti vivono del loro lavoro e la musica rimane un hobby. Gli unici che gli hanno dato retta sono stati quelli di un'etichetta discografica californiana che gli hanno organizzato un tour dalle loro parti e in Gran Bretagna e gli hanno procurato turnisti di tutto rispetto per registrare i loro pezzi. Ecco, al di là dei gusti, oltre alla fuga di cervelli mi pare che da queste parti fuggano anche gli strumenti.

La tv c'entra poco

Questo post è stato ruminato troppo. Poco tempo a disposizione, troppo lavoro e idee relativamente confuse e difficili da mettere a fuoco ne hanno fatto una cosa forse fuori tempo, che se fossi il blogger serio che non sono l'avrei scritta il giorno in cui Noemi Letizia s'è fatta intervistare da Sky per dare la sua versione di una vicenda (quella di lei e di papi) di cui le tv non avevano mai parlato. Quello che mi spinge a metterlo a verbale è che conserva una sua validità. E poi mi piace perché penso che la maggior parte di voi che capitate da queste parti, storcerete il naso a sentire che la televisione, con i successi e gli insuccessi di Berlusconi c'entra assai poco. Non si spiegherebbe altrimenti il motivo per cui, nonostante le tv che B. controlla direttamente e indirettamente abbiano accuratamente evitato di parlare dell'affaire escort-festini a palazzo Grazioli, la questione abbia comunque bucato lo schermo della società. Ne parlano anche i tanti milioni di italiani che non leggono giornali e non sanno neanche quanto costa una copia di Repubblica, se ne fanno battute nei bar e nei posti di lavoro, proprio come se la televisione ne parlasse, proprio come una qualsiasi serata finale di miss Italia. Ergo, esiste un mondo al di qua della tv. Lo so io, lo sappiamo tutti. Ma siamo così impigriti e capiamo così poco del mondo che abbiamo intorno, che ci fa comodo pensare che la tv sia la fonte di tutti i mali, compreso quello di averci regalato un presdelCons che non ci piace - anzi, che ci repelle - e ci siamo venuti convincendo che se di alcuni temi non si parla lì, in tv, allora quei temi non esistono. Invece il presdelCons, semplicemente, ha fatto tesoro del mondo plasmato anche dalle sue tv senza volerlo. O meglio, è riuscito a far tesoro dell'humus venutosi a creare negli ultimi vent'anni perché lui è come il mondo creato dalle sue tv; ne coglie a pieno lo spirito profondo perché è un tutt'uno con quello spirito; non perché fin dall'inizio abbia perseguito un qualche tipo di disegno strategico se non quello di fare soldi. In questo la tv c'entra con B. presdelCons, non nel senso comune, a sinistra, che da un lato riduce la tv a strumento da agit-prop e dall'altro la eleva a dispensatrice di verità sociali. La vicenda delle escort in questo senso aiuta a capire: ci sono ancora fatti che bucano anche se non vanno in tv. Questo forse ha sorpreso anche B., che infatti sta reagendo a una cosa extratelevisiva andando in tv.

venerdì 28 agosto 2009

Sempre lì a pensar male

Che poi magari Bertone non c'è andato solo per preservargli la salute, visto che Silvio nostro sta diventando più largo che lungo, come si dice dalle mie parti, e un'altra cena sarebbe stata un'altra botta di colesterolo. O magari il don temeva di trovarsi in difficoltà qualora gli fosse stato detto: "Aspettami nel letto grande, quello di Putin".

giovedì 27 agosto 2009

Sangue

Sono tornato oggi dalle parti di Akille dopo una lunga pausa estiva e la coincidenza ha voluto che ieri sia andato a donare il sangue. Così, mi permetto di fare come lui; smetto per un attimo i panni del relativista a oltranza per consigliarvi, nel caso passiate di qui, di fare la cosa che ho fatto io. Che non costa niente. Donatelo, il sangue; tra l'altro dicono anche che a noi maschietti faccia bene farlo, ogni tanto.

Delle polo col collo all'insù

Tempo fa mi è capitato di leggere in non ricordo più quale blog, un post sulla questione delle polo con il collo tirato all'insù trovando parole niente affatto lusinghiere nei confronti della categoria di persone che le indossa in quel modo. La trovai una questione marginale, e sono tuttora convinto che lo sia. Stamattina però mi è capitato di rivedere una persona della suddetta categoria. E per chissà quale rimando mentale ho pensato: ci fosse uno di quelli che ho visto indossare le polo in quel modo che mi sia stato vagamente simpatico nel corso degli ultimi anni.

L'aria che tira

Fino a un certo punto gli allarmi (razzismo, omofobia, sessismo) mi trovavano pronto a scattare. Poi mi è sembrato di capire che c'è una categoria di persone che vede il marcio anche dove non c'è; che confonde le cose, le ingigantisce, a volte. Non sto tentando di argomentare che certi problemi non esistono; altro che se esistono. E' che c'è chi li combatte in maniera sbagliata e conformista (anche se è un conformismo che veste i panni dell'anticonformismo), banalizzandoli perché mette sullo stesso piano quantità e qualità diverse. Ora però, di fronte alla reiterazione di episodi vomitevoli, comincio a convincermi che magari non sarà allarme, ma non è un bellissimo periodo in cui vivere.

venerdì 21 agosto 2009

Insofferente

Che poi uno rimane in città ad agosto, la vede svuotarsi, ci passeggia la sera largo dove prima stava strettissimo. E gli viene da dire a quelli che rientrano: ma non potevate rimanerci un po' di più in villeggiatura?

Stand by

Blog inattivo da settimane, ma non crediate, non si stanno facendo ferie lunghe. Anzi, quelle fatte sono già quasi sepolte sotto lo stress da lavoro. E non è neanche che non si abbiano idee; è che sono confuse.

domenica 2 agosto 2009

2 agosto

E' successo per la ventottesima volta, credo. Il ricordo, la manifestazione, le fasce istituzionali attorno a corpi di sindaci e presidenti, i gonfaloni. E i fischi. E i commenti dei fischiati. Sempre uguali, nonostante nel frattempo siamo stati catapultati in un altro mondo. E non ci sono più muri, i blocchi si sono globalizzati fino a diventare una cosa sola, o quasi; il gelo della guerra fredda s'è sciolto e c'è la Cina con cui si fanno affari, mica l'Urss dei comunisti a tre narici. E c'è Obama, altro che Reagan. E i giovani scrivono sui muri "passerotta t.v.b.", non più "spranghe al fascio" o "camerata pinco pallino presente!"; e attaccano lucchetti dell'amore dove possono e buttano via le chiavi, non vergano più sui muri stelle a cinque punte e croci celtiche. Ecco, se si dovesse spiegare cos'è l'inerzia si potrebbe partire da qui: dai fischi e dai commenti ai fischi che appartengono a una stagione passata ma si sono trasferiti armi e bagagli in quella nuova anche perché sulla vecchia continua, chissà perché, a battere l'ombra. Io ebbi la (s)fortuna di capire l'essenza di quella stagione che ero ragazzino, la mattina del 2 agosto 1980, quando incrociai lo sguardo di mia madre che mi diceva "corri, accendi la televisione che a Bologna è successo un macello". In quegli occhi incrociati per una frazione di secondo, non esagero, c'era la strategia della tensione, anche se l'avrei capito qualche anno dopo. E l'avrei capito anche perché ebbi la (s)fortuna di incrociare quello sguardo che era il ritratto dello sgomento e valse più di una lezione di storia.

venerdì 24 luglio 2009

venerdì 17 luglio 2009

Vediamo, no?

A me gli eccessi del grillismo non vanno troppo a genio, ma il non volerlo tesserare da parte del Pd mi è parso un segnale di debolezza clamoroso, oltre a una censura del tutto opinabile. Per questo mi fa piacere leggere questa notizia e adesso voglio vedere come andrà a finire: se Grillo ha filo da tessere o è solo un urlatore, se la parte del Pd che non lo vuole ha argomenti validi e politiche credibili con cui replicare, se il dibattito all'interno del partito sarà di livello accettabile oppure no.

Ops/2

Il tempo passa, le cose cambiano. Ma anche se uno tenta di lavorare su se stesso e di smontare pregiudizi, alcune cose invece rimangono. Io per esempio continuo a pensare che il mondo sia rovinato per diversi motivi dai villaggi all inclusive. Ci sono cose ben peggiori per carità, ma quel modo di consumare (consumare) vacanze senza sapere nulla di quello che ti sta intorno, quel modo di costruire edifici per preservarli accuratamente da contaminazioni con ciò che sta al di là della rete che li recinge, dicono molto della logica da pollaio nella quale viviamo alle nostre latitudini noi, che ci crediamo molto più avanti degli altri.

Ops

Ho dimenticato di annotare giorni fa che il titolare è in ferie, trascorre giorni davanti a panorami mozzafiato, legge libri, a volte dimentica addirittura di comperare i giornali, solo di tanto in tanto accende il computer, la tv non sa cosa sia e non sta neanche tanto male.

martedì 7 luglio 2009

Politically uncorrect

Per eleggere il prossimo segretario il Pd, invece delle primarie o di questi noiosissimi congressi, indica una gara di rutti o a chi fa il getto d'urina più lungo. Sennò, chiusi nella torre d'avorio della sinistra snob, si starà sempre un passo indietro rispetto a chi sta in mezzo alla gente e sa rappresentarla davvero.
Aggiornamento: Salvini è tornato tra i rappresentati, essendosi dimesso da parlamentare. Di questi tempi c'è da aspettarsi qualcuno che parlerà di un vulnus alla democrazia.

Grazie

Io lo sapevo che qualche persona di buona volontà l'avrebbe fatto. C'ero anch'io lì sotto a godere della sublime e del tutto improvvisata chiusura di un concerto notevolissimo. Ma io godevo e basta, altri riprendevano e poi avrebbero messo in rete. Grazie.

lunedì 6 luglio 2009

Un altro mondo

In rete non trovo il video ma se andate qui parte in automatico quello che, se un altro mondo fosse possibile, sarebbe il tormentone dell'estate.

lunedì 29 giugno 2009

Se la mettiamo così

Michael Jackson era affetto dalla malattia dei visionari e degli artisti, era un rivoluzionario delle forme estetiche e musicali, renitente all'età adulta. (...) La sua metamorfosi continua era un'opera d'arte totale, l'aspirazione a essere tutti e nessuno, né nero, né maschio né adulto. Un "corpo senza organi" secondo Artaud, creatura cangiante in cui ognuno può specchiarsi. (...) Lo abbiamo visto, stralunato, raccontare nel documentario di Martin Bashir del suo grande letto dove si affollavano molti ragazzini per sentire le sue storie, e con i quali scambiava "giochi proibiti", erotismo adolescenziale (nessuna violenza) che gli valse l'accusa di pedofilia. (...) E quando nel giugno del 2005 il tribunale di Santa Maria lo assolse dall'accusa di pedofilia, nessuno gli era accanto, soltanto i fans, accorsi da ogni angolo della terra.
Mariuccia Ciotta, il manifesto 27/06/09, pagina 3
Silvio Berlusconi era affetto dalla malattia dei visionari e degli artisti, era un rivoluzionario delle forme estetiche e politiche, renitente alle costrizioni delle regole. (...) La sua metamorfosi continua era un'opera d'arte totale, l'aspirazione a essere tutti e nessuno: imprenditore, operaio, politico, latin lover. Un "corpo senza età" secondo Giuliano Ferrara, creatura cangiante in cui ognuno può specchiarsi. (...) Lo abbiamo visto, stralunato, raccontare nel documentario di Carlo Rossella del suo grande letto dove si affollavano molte escort per sentire le sue barzellette, e con le quali scambiava effusioni (nessuna violenza) che rischiò di valergli l'accusa di induzione alla prostituzione. (...) E quando nel giugno 2023 il tribunale lo assolse perché i reati ipotizzati erano prescritti, nessuno gli era accanto, soltanto gli elettori di sempre, accorsi da ogni angolo d'Italia".
wizzo, chissacosa, 29/06/09

giovedì 25 giugno 2009

Jihad

So poco dell'Iran e anche della storia di quel paese; quello che si riesce a sapere dai giornali e null'altro. In questi giorni ho ripreso in mano un libro edito in Italia nel 2006 da Pisani e pubblicato l'anno prima negli Usa (occhio alle date), Lipstick Jihad, di Azadeh Moaveni, che ha poco più di trent'anni, è nata e cresciuta in California da genitori iraniani e si è poi trasferita per alcuni anni nel paese d'origine dei suoi, esperienza da cui è nato il libro. Questi sono alcuni passi dell'introduzione, scritta appunto nel 2005, che aiutano a capire come cammina la storia:
"I giovani iraniani stanno trasformando il paese dal basso. Dagli attivisti religiosi, ai consumatori di ecstasy, dai blogger agli studenti universitari che passano da un letto all'altro, saranno loro a determinare il futuro dell'Iran. (...) Quei ragazzi sceglievano di comportarsi 'come se' fosse permesso tenersi per mano in strada, sparare la musica a tutto volume alle feste, esprimere la propria opinione, sfidare l'autorità, prendere la propria droga preferita, farsi crescere i capelli lunghi e mettersi troppo rossetto. Grazie a loro ho appreso come penetrare il mistero dell'Iran - niente sembra percettibilmente mutare, mentre invece tutto cambia. (...) Oggi (...) mentre frugo tra i vestiti, sollevando velo dopo velo, è come osservare gli anelli di un tronco d'albero per raccontare la sua evoluzione. Gli strati più esterni sono una patina di colori, toni contrastanti di turchese e rosa spumeggiante (...) sono i colori della vita in tessuti che respirano. Sotto, scavando nella profondità, ci sono veli scuri e opachi, vesti lunghe e informi nei toni funerari del nero e del blu. Questo è ciò che indossavamo nel 1998. Il Parlamento non ha mai ufficialmente ammesso il colore. (...) Le giovani donne lo hanno fatto da sole, in massa, un lento, deliberato, diffuso atto di sfida. Un jihad, nel senso classico del termine: una lotta".

lunedì 22 giugno 2009

Tristezza cosmica (lo scambista)

Ci sono due riscontri, diciamo così, oggettivi, e una considerazione più soggettiva e assai più opinabile intorno alla fase discendente della parabola imboccata da B., che rischia di essere fulminante quanto l'ascesa. Partiamo dai due dati di fatto: il primo è una di quelle coincidenze che se fosse stata ideata per la sceneggiatura di un film e corroborata da un montaggio all'altezza, avrebbe fatto la fortuna del regista. Il secondo è molto più terreno e desolante.
1) Nelle ore in cui negli Stati Uniti si contano i voti che porteranno alla storica elezione del primo presidente nero di quel paese, in Italia il presidente del consiglio fa accomodare una escort nel letto grande di una delle camere della sua residenza (qui la documentazione fotografica emersa fino ad oggi della serata).
2) Alla cena in cui i riflettori si sono puntati sull'invito di B. alla D'Addario ad aspettarlo nel letto grande, invito che ha oscurato tutto il resto, era presente, con un ruolo pare non di secondo piano, uno che è indagato per mazzette nella sanità. Ora, può essere che quell'inchiesta non fosse ancora stata attivata al momento della cena del 4 novembre scorso, giorno dell'invito nel letto grande. E può anche essere che Giampy Tarantini uscirà da quella vicenda più pulito di prima. Sta di fatto che è emerso che uno che è indagato per mazzette nella sanità intrattiene con il presidente del Consiglio rapporti strettissimi, tanto da avere porte spalancate alla sua residenza e da cenarci insieme in un incontro nient'affatto ufficiale, men che mai obbligato.
Rilevato ciò, continuo a rimanere di sasso quando sento gente scandalizzata perché "un presidente del Consiglio deve dare l'esempio" ed evidentemente ritiene che B. non ne fornisca uno all'altezza o, peggio, perché B. è uso a festini che non incrociano il gusto di chi lo giudica. Un presidente del Consiglio deve governare e si sottopone per questo al vaglio del voto, non deve dare esempi. E francamente io mi guarderei dal prenderne da certa gente. Detto ciò, condivido un po' dello stupore per la misura raggiunta da B. Perché dal mio punto di vista di persona normale, credevo che lui fosse al di sopra della qualità, dell'immaginario, delle fantasie che vengono spacciati, solleticati, indotti dalle sue tv. Ho sempre pensato: "Guarda che furbo, fa passare come la svolta della vita il successo effimero e fatuo in tv, ci fa sopra soldi a palate e lui maneggia il potere vero". Invece le donnine di cui si è andato contornando e che cominciano a parlare fotografano di B. un'immagine che è tutta dentro l'orizzonte da Truman show offerto dalle sue tv. Un luogo in cui si vive rigorosamente in superficie, dove si comprano non solo i favori sessuali di gente cui potresti fare da nonno, ma anche la loro compagnia; in cui paghi per avere una platea disposta a sentire le tue barzellette e il tuo cantare. Un luogo in cui sei come dio finché i soldi fanno il loro effetto - come il tossicodipendente sta bene finché la sostanza gli circola nel sangue. Poi, finito l'effetto dei soldi, bruciati i diecimila euro che hai regalato, evasa o inevasa la pratica edilizia che dovevi sbloccare, torni il nulla che eri prima. Un luogo insomma, in cui sei solo in quanto hai. Decenni di successi negli affari, di successi in politica non hanno costruito niente insomma intorno a B.: rimane un poveretto e quello che gli è rimasto - questo pare da quanto emerge - è stato solo in grado di comprarselo, mai di conquistarlo senza dare contropartite in cambio. E' una vita di scambio, quella del povero B.: vieni a cena con me non per il gusto di stare con me ma perché ti pago, come nella più classica delle compravendite; ti invito a cena non perché amo stare con te ma perché poi so che ti accomoderi nel letto grande senza fare troppe storie in vista di un qualche tipo di ricompensa. La ricompensa è sempre esterna, insomma, non è mai nel gusto di starci con le persone di cui ti contorni. La logica degli affari si sovrappone a quella della vita. Ora, che questa tristezza cosmica riguardi un ultrasettantenne miliardario, può stare nelle cose della vita. Il problema, con B., è nel suo essere stato sulla scena pubblica con tanta pesantezza da aver plasmato almeno in parte, anche attraverso i media che possiede, le fantasie, gli immaginari, le aspettative del suo elettorato e non solo, tanto da diventare un fenomeno metapolitico. Ora, lui è rimasto in mutande. Ma il teatro di posa con il set del Truman show è ancora lì, saldo nelle fondamenta, densamente popolato e con gente sta in fila fuori per entrarci. Le persone normali, che vivono davvero e non limitano le loro attività alla compravendita ma sono rimaste infatuate da B. e dal suo Truman show in cui la vita è una ricerca di scorciatoie, avranno una scossa di resipiscenza? Non vi dico qual è la risposta che darei io, sennò v'intristisco ulteriormente.

venerdì 12 giugno 2009

All togheter

So che la rete è il trionfo del just in time, ma ieri l'ho trascorso a tentare di far volare un aquilone insieme a mia figlia, così linko solo oggi l'intervista di Bertinotti pubblicata ieri dalla Stampa perché secondo me lui vola più alto, ma muove dalle stesse esigenze da cui è nato questo post.

giovedì 11 giugno 2009

Lo spirito dei tempi

Mariuccia Ciotta sul manifesto:
"Questa idea della politica lontana dalla gente nasconde un'altra verità. La società sta con la Lega, che il territorio l'ha battuto palmo a palmo, sta con la xenofobia e la difesa del proprio recinto di interessi. (...) Dov'è il soggetto del cambiamento? La vita non è altrove. E, a guardare l'Europa vincente, è facile vedere le barricate erette intorno al continente, dal basso verso l'alto, dall'ultimo paese agli stati centrali. L'Europa contro il resto del mondo, localismo, autarchia, difesa dei privilegi. (...) Dunque, più che dare ascolto a questa società impaurita e conservatrice, sarebbe meglio trovare il coraggio di forzarne le barriere mentali, prefigurare un altro mondo che tenga conto delle trasformazioni materiali ed emozionali. L'innamoramento per l'America di Obama sta in questa visione oltre confine, nella sua lingua mista".

mercoledì 10 giugno 2009

Come si cambia

Dirò cose scontate in questo post. Cose che avete già letto negli ultimi quindici anni chissà quante volte. Ma a me è la prima volta che mi capita di pensarle. Le dirò a spanne, niente di definitivo per carità. Ma ne sono sorpreso perché se mi avessero detto solo qualche tempo fa che un giorno le avrei scritte, avrei dato del pazzo a chi l'avesse fatto. Anche perché anni e anni fa cominciai un percorso attivo, accidentato e quasi subito tornato passivo nell'ambito di quella che si chiamerebbe sinistra radicale, attaccando di notte manifesti abusivi sui muri della mia città per convincere a dire no al referendum che avrebbe aperto al maggioritario. Persi, come quasi tutte le volte in vita mia quando c'è la politica di mezzo. Pensavo che attribuire la maggioranza assoluta a chi rappresenta una minoranza fosse una ferita alla democrazia. Lo penso tuttora. Ritenevo che privilegiare la governabilità a scapito della dialettica fosse un segno - negativo - dei tempi. Lo ritengo tuttora. Pensavo che costringere diversi in uno stesso schieramento fosse una forzatura priva di senso. In parte non lo penso più. E' per questo che nonostante solo un mese fa fossi convinto che il referendum del 21 fosse da far saltare e nonostante ogni volta che vedo Mariotto Segni - sarà una sorta di riflesso pavloviano - mi scopro a dire "maaa daaai" dentro di me, da un paio di giorni mi rimbalza tra le tempie un'idea: perché opporsi a un'Italia bipartitica, non bipolare, quando di fatto il nostro è già un paese diviso in due, politicamente parlando. Mi rendo conto di essere giunto a una conclusione del genere principalmente perché, stando dalla parte al di qua di B., noto con crescente disappunto l'atavica tendenza a farsi del male dividendosi nel peggiore dei modi, a spaccare il capello in quattro. Che è un segno di vitalità e di intelligenza, sia chiaro. Ma che se ti riduce all'inazione, alla sconfitta permanente, o, peggio, a pensare che attorno al tuo ombelico giri l'intero pianeta, allora diventa roba da psicanalista. Ho votato alle ultime elezioni per un partito che ha superato a stento il 3 per cento. Ma l'altra sera ho letto i risultati essendo interessato a come fossero andati tutti quelli al di qua di B., anche se per alcuni provo una sincera antipatia politica. Allora, mi sono detto, perché continuare con quest'inutile tiritera del partitone che lascia sempre un po' scontenti e dei cespuglietti intorno tuffandosi nei quali ognuno cerca di trovare uno specchio con la sua identità riflessa? Due bei partitoni con possibilità di dare la preferenza, ecco quello che ci vorrebbe. Così all'interno, domenica scorsa, io avrei trovato il mio Vendola, altri i loro dipietri, dalemi, ferreri, franceschini e via cetopolitichizzando. Lo so che è un sistema che non c'è al mondo e che il bipartitismo prevede una scheda con due nomi sopra tra i quali scegliere. Ma se si volesse, sono convinto che la soluzione la si troverebbe. Lo so che i sistemi elettorali sono un escamotage per evitare il cuore del problema, che sono le idee che mancano o di cui si ha paura. E so anche che se hai idee forti, riesci a imporle e a farti vedere e votare a prescindere dal come si vota. Infatti ribadisco: non si tratta di cose definitive ma di pensieri ad alta voce. La discussione, se volete, anche se mi rendo conto che nella vita ci sono cose decisamente più appassionanti, è aperta.

martedì 9 giugno 2009

Dieci domande

Gra-mel-li-ni.

Microbi e giganti

L'editoriale di Rossana Rossanda sul manifesto di oggi è assai lucido e meriterebbe di essere letto tutto. Ne cito un paio di brani tornando di fatto sul post di ieri, un po' perché mi aiuta a esplicitarlo e un po' per narcisismo provincialotto, ché non è da tutti i giorni vedere un monumento del giornalismo scrivere cose che tu, microbo, hai parzialmente anticipato senza sapere che avrebbero coinciso con le sue.

"E' certo che gli uomini di Fini non si sono dati troppo da fare per il Cavaliere: se lavorano, lavorano per il loro capo che si sta volenterosamente fabbricando un'immagine di destra presentabile. (...) A Pd, Rifondazione e Sinistra e libertà suggeriamo di mandare i loro dirigenti in congedo al più presto. E se in mezzo a loro ci sono - e sappiamo che ci sono - persone serie e ragionevoli, chiediamo al più presto che riflettano su come correggere i problemi che il 2009 sbandiera alle sinistre".



lunedì 8 giugno 2009

A spanne

Dai risultati delle Europee mi sembra si possano trarre un paio di conclusioni:
1) Leader cercasi. C'è una fascia di elettorato attorno al 43% abbondante (cresciuta di un po' rispetto a un anno fa) che si colloca al di qua di B. e che, al di là dei proclami dei leaderini delle liste che ha scelto, voterebbe per uno schieramento-alleanza-raggruppamento o chiamatelo-come-volete che si candidasse a governare seriamente, se solo si trovasse qualcuno in grado di metterlo insieme. Di Obama ce n'è uno, d'accordo, ma tenuto conto che l'ultimo che è riuscito in un'impresa del genere è stato Romano Prodi, che in quanto a carisma non è proprio un portento, ci sarebbero discrete possibilità di farcela. Avanti, c'è posto. Astenersi perditempo (tipo Rutelli), guastatori (tipo D'Alema e i suoi e Veltroni e i suoi). Necessario anche un minimo di aplomb: Di Pietro non si scaldi, non fa per lei.
2) In fuga da B. C'è un'Italia che al di qua di B. non voterà mai e che per questo ha scelto di nuovo B., nonostante ormai il ridicolo sia la cifra prevalente. Ma è in parte la stessa Italia che laddove ha trovato alternative dal suo punto di vista (vedi Udc, vedi Lega) si è allontanata da B., il cui partitone, che tremare il mondo fa(ceva), si è fermato a una percentuale inferiore alla somma di quelle raccolte da Fi ed An alle elezioni politiche del 2006, che non andarono proprio benissimo per B. e i suoi. Che B. abbia imboccato la fase discendente della parabola? Che il suo faccione e le sue mirabolanti avventure stiano diventando ingombranti per Fini e i suoi?

sabato 6 giugno 2009

A distanza

Ero preso da altre cose e arrivo in ritardo. Ma mi piace mettere a verbale che mentre Obama diceva queste cose al Cairo. Un omino, dalle nostre parti, diceva questo.

giovedì 4 giugno 2009

Voto inutile

Sono stato tentato dal non voto, lo ammetto. Alla fine invece alle urne ci andrò. E sarà un doppio voto inutile, o quasi. Ma dato di gusto. Per le Provinciali, vi rimando al post precedente. Alle comunali, anche se so che la maggior parte di voi sarà indifferente perché voterà (o non voterà) in altri centri, darò la preferenza più convinta che abbia mai espresso per lui, anche se la lista nella quale si presenta, a stento eleggerà consiglieri. Ci sono troppe letture, dischi, concerti, pranzi, cene, bottiglie, attitudini e perfino la scuola materna frequentata dai rispettivi figli in comune per definirlo un voto solo politico, me ne rendo conto. Ma proprio per questo sarà di gusto e per una volta non per il meno peggio. Alle Europee voterò invece per lui. Anche se il progetto politico che sta sostenendo con la sua faccia non credo abbia un futuro. Scriverò sulla scheda il suo nome anche se so che a Strasburgo non andrà mai almeno per due ordini di motivi: primo perché Sinistra e libertà non supererà la soglia di sbarramento, secondo perché anche se dovesse risultare eletto, ha già detto che rimarrà a fare il presidente della Puglia. Ma lo voterò, anche in questo caso, perché non sarà un voto dato al meno peggio ma a uno che sarebbe un buon leader, se solo avesse una formazione politica a sostenerlo. Sarà un doppio voto inutile ma fino a un certo punto. Perché nel caso delle Europee, anche se non servirà ad eleggere nessuno, assottiglierà comunque la percentuale di voto del partito di B., cosa che non avverrebbe se mi limitassi a disertare le urne. Ma soprattutto, sarà un voto dato di gusto.

Intanto

Poi, appena ho tempo, farò la dichiarazione di voto. Intanto abbraccio Gramellini.

mercoledì 3 giugno 2009

Di pancia/2

Con simpatia, ma i Radicali hanno veramente scassato. La prima cosa che vi viene in mente, ma l'hanno scassata.

Di pancia

Qui si tenta di mantenersi a un livello accettabile. Oggi, sarà che ho poco tempo, la tentazione è di scendere:
1) Uno che paga regolarmente le tasse e vede Apicella scendere da un aereo di Stato tende a incazzarsi.
2) Il problema non è tanto, o non solo, B. che ha l'idea delle donne che ha e non se ne vergogna neanche un po'; sono anche le tante donne che continuano a subirne il fascino, suo e dei tanti cafoni che popolano le nostre città, scuole, uffici, spiagge, bar e via discorrendo.

Rifugio

Snob, incapaci di comunicare e di comprendere l'essenza dei tempi, forse. Ma con ottimi rifugi in cui riparare.

martedì 2 giugno 2009

Gino e la sinistra

Oggi Massimo Gramellini scrive una cosa che in parte centra un problema (la sinistra che non trova più le parole per comunicare) e in parte deraglia nel più vieto dei luoghi comuni perché omette di dire che con i Gini d'Italia è assai difficile comunicare per una montagna di ragioni. Qui la sinistra è stata sbertucciata diverse volte. Una volta ci si è misurati anche con le difficoltà oggettive che la sinistra ha di fronte oggi: ne uscì un pippone. Onde evitare di farne un altro, rimando a Scorfano che ha commentato in maniera assai condivisibile il Gramellini di oggi.

lunedì 1 giugno 2009

L'affaire

Dice: ma che ne pensi dell'affaire Noemi-Berlusconi-Veronica-Repubblica? Per giorni e giorni il "boh" è stata la risposta prevalente. Boh perché io non sono di scuola così anglosassone e il diritto alla riservatezza penso che vada garantito a tutti. Anche al presidente, a meno che alla riservatezza non ci si appelli per coprire malefatte che hanno a che fare col ruolo pubblico che si svolge o patenti violazioni della legge. Per inciso, proprio perché non sono di scuola così anglosassone, penso che il diritto alla riservatezza vada garantito anche ai presidenti che mostrano debolezze, tipo Clinton per capirci. Boh perché l'istinto iniziale è stato, inutile negarlo, quello di godere nel vedere un avversario politico in difficoltà per questioni di letto. Poi però pensi che le questioni di letto hanno il respiro corto, che la politica è cosa di più lungo periodo, che come tangentopoli insegna, le scorciatoie illudono ma sono superficiali e niente affatto efficaci e soprattutto non suppliscono l'assenza di idee alternative. Boh perché uno che organizza feste con decine di vergini pronte ad offrirsi al drago (secondo quanto ha detto la signora Lario sberlusconizzata), va ben oltre le corna e suscita una forma di repulsione anche in chi santo non è. Ma questa è una posizione moralistica, mi sono detto, quindi non vale politicamente. Poi però, a forza di sbatterci la testa i boh si sono diradati ed ecco le conclusioni. Tu puoi fare ciò che vuoi nel tuo privato e andare con una diciassettenne anche se hai settant'anni suonati non equivale ad essere pedofilo. Non ti considero granché, certo, ma non è che la mia idea di te in materia sia grandemente cambiata in peggio da quando dicesti che sei dovuto ricorrere alle tue doti di playboy per persuadere la premier finlandese. Il tuo cattivo gusto, che è anche un'immagine che hai del mondo e dei rapporti tra generi, mi era ben noto. Ma queste sono cose mie. Quello che penso oggi è che Berlusconi sta malamente perdendo in casa. E che questo alle prossime elezioni non si noterà neanche, perché il Pdl di voti ne prenderà, e gli altri di voti ne prenderanno assai meno. Ma per uno che ha mandato nelle case degli italiani "Una storia italiana" (se doveste aver dimenticato guardate qui), l'affaire Noemi-Veronica-Repubblica rischia di costare l'osso del collo, politicamente parlando. Perché non è a me e a quelli come me che B. deve spiegare. Io avrei da chieder conto di decine di altre cose che il suo elettorato non vede neanche e che io reputo molto più gravi perché attengono alla sua funzione pubblica. E' alle comari che lo votano che B. deve spiegare. E' a quelle che "è tanto un bell'uomo e di successo" che deve motivare come la sua vita privata, una delle chiavi del suo successo (a)politico, forse la principale, lungi dall'essere la soap patinata che lui ha accreditato per anni, ha dei buchi neri. A me e a quelli come me del suo privato non frega nulla oggi come non fregava nulla ieri, quando nelle nostre case arrivava l'agiografia del cumenda. Io, con le mie venature tardo-comuniste, sono molto più liberale dei popolani della libertà che lo votano. E saranno loro, gli infatuati e le infatuate da una storia italiana, a voltare le spalle al settantenne che perde la maschera e carica sugli aerei decine di vergini pronte a offrirsi al drago. E non vi illudete, voi di sinistra, perché, come tangentopoli insegna, non sarà una vittoria vostra.

lunedì 25 maggio 2009

Al contrattacco

Pronta la replica di Silvio Berlusconi all'intervista di Gino Flaminio: "Quel ragazzo è mosso solo dall'invidia, ho più capelli di lui, come poteva Noemi restarci insieme?".

giovedì 21 maggio 2009

Fatto

Ci si è impiegato un po' ma ora la playlist qui a destra dovrebbero vederla anche i muniti di flash player 10.

lunedì 18 maggio 2009

Quindici anni, un giorno

"Ci stupisci quasi fossi nuovo
e invece sei vecchio e gommoso: bacia la sposa, bacia"
No, niente, è che, complice il "Best of" che hanno fatto uscire, sto tornando indietro con i Marlene Kuntz anche di quindici anni e quel brano di Festa mesta mi sembra di un'attualità strabiliante.

martedì 12 maggio 2009

Deo gratias

Benedette le carrette del mare, che portano sulle nostre coste chi ha pagato migliaia di euro per rischiare la vita e vivere da braccato; benedetti voi, vi chiameremo clandestini, che attirate le ire delle vite precarizzate, sazie di pancia e a corto di cervello e monopolizzate i penetranti commenti di chi sa come va il mondo e accusa di snobismo o ipocrisia chi rifiuta di cacciarvi a cannonate; benedetti, ché senza di voi quanti voti in meno prenderemmo.

A proposito

Io, mia moglie e mia figlia siamo nati in tre città diverse. Troppo multietnici?

mercoledì 6 maggio 2009

In movimento

La radio sta provando ad assumere una nuova veste per consentire l'utilizzo di un server remoto. La migliore trovata finora è questa, la vecchia verrà utilizzata per le eventuali dirette. Seguiranno prove tecniche.

lunedì 4 maggio 2009

Post irritato

Era prevedibile, ma certi tic di certa sinistra continuano a lasciarmi senza parole: sento in giro più di qualcuno, ma non tutti per carità, che sta eleggendo Veronica Lario a nuova eroina, ma sul serio, non facendo battute. Parafrasando il Nanni Moretti di Ecce Bombo: ve lo meritate, Berlusconi.
Aggiornamento: nella prima versione del post avevo tentato di vilipendere l'italiano, riuscendoci, coniugando il verbo stare al plurale, pur se si riferiva a "qualcuno". Ho provveduto a correggere.

giovedì 30 aprile 2009

Degli anni Ottanta (le domande della vita)

Perché The Edge usava una chitarra da metallaro?

Degli anni Ottanta (libertà)

Non l'avrei mai detto nella temperie degli anni Ottanta. Perché era così, ascoltavo roba di qualità (lo so che rischio di apparire snob, ma la penso tuttora così) e quando mi parlavano di new romantic, la miglior reazione che potevo avere era storcere la bocca. Oggi però, mentre ero sintonizzato su una di quelle stazioni radio su cui non mi soffermo quasi mai, mi è capitato di imbattermi in "Through the barricades" degli Spandau Ballet e non ho cambiato stazione, come avrei fatto vent'anni fa, appunto. Nostalgia canaglia? Forse. Ma non solo. Perché ho riflettuto anche sul fatto che quel pezzo in verità non mi è mai dispiaciuto; neanche vent'anni fa mi dispiaceva. Come Gold, degli stessi Spandau, e come Save a prayer dei Duran Duran, tanto per fare qualche esempio (non spaventatevi, la lista non è lunga). Ma allora non l'avrei mai ammesso che quei pezzi mi piacevano, non solo non l'avrei ammesso di fronte agli altri, ma neanche a me stesso. Li associavo alla plastica di cui quegli anni sono stati ricolmi. Solo che oggi credo di essere meno snob. E anche un po' più libero di testa. Così posso dirlo: ci sono pezzi che non facevano lo schifo che io pensavo facessero.

mercoledì 29 aprile 2009

Secondo voi Veronica Lario

Io non ci sto capendo molto, vi chiedo aiuto. Non un commento, ché magari è troppo impegnativo, ma una preferenza a questo sondaggio. Secondo voi Veronica Lario:
A - E' rincoglionita precocemente (non si spiegherebbe altrimenti come fa a dire queste cose e non chiedere il divorzio).
B - Ambisce al posto di Franceschini.
C - E' in combutta col marito in base a una tecnica di comunicazione di cui a noi comuni mortali sfugge la raffinata logica.
D - Voleva un posto nella lista del Pdl, non gliel'hanno dato e si sta vendicando in maniera scomposta.

La misura

Marco D'Eramo sul manifesto: "Per molti versi Obama non fa che dire ovvietà ('torturare è ingiusto', 'gli alleati vanno consultati') e compiere atti dovuti (chiudere prigioni segrete come Guantanamo, includere l'anidride carbonica tra gli inquinanti). Il fatto che sembrino così rivoluzionari misura l'imbarbarimento, l'involuzione in cui eravamo caduti senza accorgercene".

lunedì 27 aprile 2009

Post del tutto effimero e fuori contesto #2

E comunque, quando hai quarant'anni suonati e la commessa, indicandoti, fa alla collega: "C'è da servire il ragazzo", sono soddisfazioni.

Post del tutto effimero e fuori contesto

Sempre in tema di amenità: mi è tornato in mente, non so perché, che da piccolo non capivo come una donna piacente come Romina Power potesse essersi unita a uno come Al Bano.

Calcio parlato

Ieri sera sono tornato a casa tardi e ho acceso la tv su Rai2, dove era in onda la Domenica sportiva (si chiama ancora così, non è solo un mio ricordo di bambino, vero?). Si parlava del posticipo Napoli-Inter. Ho assistito (distrattamente, lo ammetto, mentre trangugiavo qualcosa) a dieci-quindici minuti di trasmissione. Solo stamattina ho scoperto che l'Inter aveva perso, ero andato a dormire convinto che fosse finita 0-0.

Un dubbio

E' stato un fine settimana denso. E non ho letto i giornali nazionali. Mi dicono stamattina di Scalfari che ieri su Repubblica ha fatto un fondo sul Berlusconi in salsa 25 aprile. Penso: sì, è una notizia, da quando è "sceso in campo", si è tenuto sempre alla larga dalle telecamere il giorno della Liberazione. Poi ripenso: se non me n'è fregato nulla a me, che pure un minimo d'interesse per queste cose lo conservo, figuriamoci ai più distratti dei suoi elettori, che magari mescolano 25 aprile, I° maggio e 2 giugno. Poi ri-ripenso: ma alla fine, se c'è andato o non c'è andato, che cosa ha detto e che cosa ha omesso, quanto e cosa cambia? Voglio dire: ma siamo così sicuri che giornali, blog e mezzi di comunicazione vari parlino di cose che interessano davvero i milioni di persone che vivono, lavorano, si sbattono là fuori, poi tornano a casa la sera e si spaparanzano davanti al primo reality che passa il convento? Ci sfiora mai il dubbio che ce la cantiamo e ce la suoniamo in un cortiletto che collochiamo presuntuosamente al centro del mondo? Sì, lo so che a seguire questa via si rischia di diventare populisti e tendenzialmente qualunquisti. Conosco bene, o almeno, credo di conoscere, il valore e il potenziale delle nicchie. A patto che le nicchie tendano ad allargarsi, però. E poi, sempre meglio farsi sfiorare dal dubbio che tenersene alla larga, no?

sabato 25 aprile 2009

Liberi tutti

Più che resistenza, resilienza. Ecco, c'è da augurarsi che i concetti di resistenza e Liberazione abbiano una buona resilienza, visti i tempi.

venerdì 24 aprile 2009

Pezzi

Quando corri in un parco e superi gruppi di persone che stanno camminando cogli frasi smozzicate, pezzi di ragionamento, abbozzi di luoghi comuni. Oggi mi è capitato di udirne un paio. Il primo: "Mourinho parla, fa l'attore, sembra più un politico che un allenatore". Il secondo: "E invece in Italia....". Ecco, c'è proprio un bel pezzo d'Italia in quei due tranci di frasi.

Perfect day

Se esistesse una giornata ideale inizierebbe così quando sei ancora a letto. Proseguirebbe con una robusta colazione a base di zucchero marrone. Poi con una passeggiata al sole e una bella botta d'energia. Il pomeriggio sarebbe quasi onirico, la sera dolce.

A-dichiarazione

A quasi due anni e mezzo dalla nascita del blog ho ceduto alla tentazione e l'ho fatto. Ho inserito qui a destra una di quelle citazioni (è un brano di "A tratti" dei Csi) che come tutte le definizioni, o meglio, i tentativi di definizione di sé e di come la si pensa, aiuta chi guarda a capire qualcosa ma al tempo stesso riduce la complessità che qualsiasi fenomeno umano porta con sé (qui ho già espresso questo concetto in maniera più diffusa e, forse, pesante). Quindi ciò che ho appena fatto potrebbe apparire come un controsenso. Quello che mi conforta è che più che una dichiarazione, quella è un'a-dichiarazione d'intenti. Non è un "farò", ma un'ammissione d'impotenza; non è un "faremo", ché è già impegnativo dire "farò". E, nonostante lo stiate forse già pensando, non è affatto una resa. Per questo mi piace e l'ho appiccicata lì, dove la vedete.

lunedì 20 aprile 2009

Semplicistico

Luca Ricolfi sulla Stampa scrive un pezzo di una certa lunghezza per spiegare alcuni dei motivi per cui la sinistra avrebbe paura di un vero leader. Argomento centrato ma spiegazione lacunosa. Per un motivo abbastanza semplice, forse semplicistico. Al di là della falsa coscienza e del riferirsi alla rappresentazione di valori assoluti e non negoziabili che determinerebbero "il bordello", secondo la citazione di Montanelli fatta da Ricolfi, c'è una difficoltà insormontabile per la sinistra italiana, oggi, a dotarsi di un leader. E' che quel leader non esiste.

mercoledì 15 aprile 2009

Rigidi

A me pare già stucchevole l'ennesimo dibattito sulla legge elettorale: se ne parla da lustri, come se da una eventualmente buona (?) legge elettorale dovesse discendere la panacea per i mali d'Italia; se ne sono cambiate, di leggi elettorali, non so più quante da quando è crollata la prima repubblica; ne abbiamo una, di legge elettorale, per ogni livello di governo (centrale, regionale, provinciale e comunale). E noi ancora qui a dilaniarci su uno strumento, ribadisco, uno strumento, manco se all'ordine del giorno ci fosse la scelta tra suffragio universale e ristretto. In secondo luogo, propendendo per il proporzionale, sarei tra quelli che punterebbero a renderlo innocuo, il referendum su cui si sta avvitando il dibattito nazionale, anche perché, detto per inciso, una legge che attribuisce la maggioranza assoluta dei seggi a chi prende anche una percentuale risibile di voti è roba da far arrossire la legge truffa. Ma non è questo il punto. Il punto è che i referendari della prima, seconda e terza ora mi sembrano più rigidi del più rigido dei materiali. E dire che l'esempio è sotto i nostri occhi. Stiamo andando a una elezione per il parlamento europeo per la quale, allo scopo di superare la soglia di sbarramento del 4 per cento, i simboli dei partiti si stanno trasformando in collages di più partitini. I filo-maggioritari diranno: ecco la prova della bontà aggregante della nostra teoria: non più tanti partitini, ma due soli grandi partitoni che si battono per arrivare alla maggioranza assoluta. Sbagliato: perché la soglia del 4 per cento sta ai microrganismi come il 50 per cento sta ai partiti che ambiscono a governare. Quindi, nel caso ci trovassimo con lo scenario che uscirebbe da una eventuale vittoria dei "sì" al referendum, avremmo di fronte due grandi simboli-collage (Pdl+Lega+varie-ed-eventuali da una parte; Pd+Di Pietro+varie-ed-eventuali dall'altra), pronti a scomporsi un minuto dopo la chiusura dei seggi. E' che il bipartitismo sul modello angolsassone, questo i rigidi filo-maggioritari non capiscono, non lo si introduce per legge. E dire che ci stanno sbattendo la testa da anni. Eppure niente, non si rassegnano, vedono la realtà non per come è ma per come vorrebbero che sia: rigidi, appunto.

martedì 14 aprile 2009

Questione di spazio

Su questa casa oggi il Corriere della Sera ha fatto una fotonotizia a pagina 5. Ecco, senza starla a fare troppo lunga, perché la sintesi è un dono, specialmente in certe occasioni, forse la cosa meritava uno spazio maggiore.

lunedì 6 aprile 2009

Inutile

Sto per scrivere una cosa inutile, ma tra il bello di avere un blog c'è anche questo privilegio. Ascolto la linea diretta di Radio Uno sul terremoto. Ci sono notizie tragiche, aggiornamenti di morte, avvisi e suggerimenti per chi vive o viaggia nelle zone colpite. Poi la pubblicità, di cui mai come in questi casi si apprezza il tono stoltamente giulivo, inutilmente enfatico, fastidiosamente finto-entusiasta. La mescolanza tra i toni drammatici dei conduttori e delle dirette dai luoghi colpiti e "il piacere di fare la spesa", le fighissime penne triplus, l'"io ringrazio il cielo, fortuna che tu esisti" rivolto a un supermercato, provoca uno stordimento dal quale si rinviene con un pensiero fisso: solo la nostra civiltà sa raggiungere punte così incivili. Non si potrebbe prevedere che in momenti del genere, di emergenza nazionale, gli investitori pubblicitari e i loro contratti milionari cedano il passo alle notizie nude e crude? E poi, investitori che non leggerete mai questo post, siete così sicuri di avere ritorni in termini di affari con entrate a gamba tesa in una tragedia del genere? Fossi in voi chiamerei io la Rai e ordinerei: per oggi i nostri spot non passateli, che è meglio.

mercoledì 25 marzo 2009

S'è ripresa

La radio, intendevo, dopo mezza giornata di bizze.

Interruptus

Per me il professor Antiseri era una realtà quasi sovrannaturale, avendo studiato sul suo manuale di filosofia al liceo. Così, quando ieri l'ho visto a Ballarò che articolava un pensiero interrotto da Floris: "Professore, ce lo dice dopo la pubblicità", non ho resistito: ho spento la tv.

Le domande della vita#5

Ma quando si legge un libro di un autore straniero e lo si trova scritto davvero bene, quanto del merito deve andare al traduttore?

Ma cos'è questa crisi?

Non lo dico per amor di controcorrente, ma io alla crisi non ci credo. Non nel senso che non ci sia. E non nel senso che una diminuzione della produzione e dei fatturati non possa portare, alla lunga, a un peggioramento delle condizioni generali. Non credo alla crisi dipinta dai politici e, a cascata, dai media avvizziti e pigri. Non credo alla crisi della quarta settimana, alla spesa alimentare che cambia "perché non ce la si fa più" e a tutte le indicazioni che ci fanno credere che solo da qualche mese siamo vicini al precipizio mentre prima eravamo tanti Adami e tante Eve che non avevano ancora mangiato la mela. Non credo alla crisi perché se il precipizio c'è allora noi ci balliamo vicino da anni, da decenni anzi. O no. La crisi c'è. Ma c'è per chi perde il lavoro e/o è costretto alla cassa integrazione. In questi casi sì che devi rimodulare i consumi, affidarti agli ammortizzatori sociali costituiti da genitori, nonni, zii e chi più ne ha più ne metta visto che lo stato, alla faccia del welfare e dei relativi ministri, ti dà ben poco per campare dignitosamente. Ma qualcuno deve spiegarmi cos'è cambiato per un impiegato pubblico o uno privato o per un precario, o per commercianti e professionisti se, come dice Bankitalia, il reddito delle famiglie è rimasto lo stesso dal 2000 al 2006. Ecco, appunto: se il precipizio c'è, noi ci balliamo da anni a pochi centimetri. Solo l'altroieri, nel 2005, i prezzi delle case erano alle stelle eppure il 61% delle famiglie italiane (delle famiglie dico, non degli individui) tirava avanti con meno di 2311 euro al mese; il 50% addirittura con meno di 1.800. C'erano tutti 'sti titoli sulla crisi? Non mi pare. Oggi se ti capita il pdf di un giornale a portata di pc e fai una ricerca digitando la parola "crisi" rischi di ottenere una decina di risultati. I problemi ci sono, eccome, ma c'erano già. Solo che politici, media e i vari maestri di pensiero non ce lo dicevano e così facevamo finta di non accorgerci di nulla. Nell'agosto 2008, quando la crisi era conclamata, i mutui variabili erano al loro massimo, per un pieno di carburante si spendevano diversi euro in più rispetto a oggi e le bollette di gas ed energia avevano raggiunto l'apice. La crisi era conclamata, ed era originata di là dall'oceano proprio dai mutui insolventi le cui rate continuavano a spennare, di qua, chi si stava pagando la casa. Ma ancora non c'era. O era una crisetta, o era reversibile. Poi è diventata grave: e giù licenziamenti, giù casse integrazioni e giù mancati rinnovi di contratti ai precari strutturalmente appesi a un filo. Viene da riflettere insomma, su questa crisi per anni sotto al tappeto che in un baleno diventa la questione. Viene da riflettere sulla nevrastenia dei tempi e sulla mancanza di ragionare in profondità che può portarci alla malora. Viene da riflettere sulla messa al bando di qualsiasi pensiero che non sia quello della corrente maggioritaria, anche se questa sbaglia in maniera marchiana. E viene da riflettere sulle ricette messe in campo (è così che dicono i giornalisti bravi, no?) anche oggi, che ci dicono ci troviamo nell'occhio del ciclone. Misure che denotano quanto pericolosamente continuiamo a muoverci vicino al precipizio. Per di più convinti di allontanarcene. Fino alla prossima crisi, quando quello che per anni non sarà stato un titolo di giornale, un argomento di discussione, un oggetto di una norma di legge, diventerà la questione. E l'affronteremo così come oggi, in maniera avvizzita e pigra, senza risolvere nulla, solo rimandando.

lunedì 16 marzo 2009

Fattore X (reprise)

Poiché sto notando che molti cultori di rock non l'hanno ancora saggiato, mi permetto di consigliare l'ascolto di Il paese è reale (il cd intendo), che vale molto più dei dieci euro scarsi che servono per farselo spedire dalla Fnac. Eccolo il rock italiano, perdonate l'accesso intollerante, altro che X Factor.

Fattore X

Non sono attendibile perché ho un pregiudizio nei confronti dei palinsesti televisivi e non sono un grande consumatore di programmi tv, quindi neanche in grado di criticarli. E' che però da più parti, non comunicanti tra loro e quindi non influenzate a vicenda, di sinistra, più o meno critiche con i modelli preponderanti dalle nostre parti e amanti del buon rock, anche indipendente, mi si parla positivamente di X Factor. Io davanti alla tv che trasmetteva quel programma ho anche provato a mettermici e confesso di non aver durato più di una trentina di minuti scarsi. Ma come dicevo non sono in grado di criticare, perché appunto non conosco. Ci sono però un paio di cose che stonano nei pareri lusinghieri che la gente che descrivevo prima dà di X Factor: il fatto che lo si consideri un programma buono perché dà spazio a giovani talenti e perché, è il ritornello, rispetto a quello che si vede normalmente, questa è una cosa sicuramente migliore. Ora, sul secondo aspetto, cioè sulla logica del meno peggio non starò a dilungarmi se non per dire che la considero uno dei mali del nostro tempo. Sul primo aspetto ho da dire di più. Perché accettare che un "giovane talento" debba passare attraverso la tv per fare successo è una di quelle cose che non stanno né in cielo né in terra. E non lo dico perché sono pregiudizialmente contrario alla tv generalista così com'è oggi. Riflettete: dagli U2 agli Afterhours, quale bisogno della tv hanno mai avuto i gruppi per - come si dice - sfondare? Il rock è, oserei dire ontologicamente, un fenomeno di strada, da locale buio con birra in mano, da giornale specializzato, da passaparola, da compilation regalata da un amico, amica, fidanzato, fidanzata, dal chitarrista del tuo gruppo; da chilometri fatti su furgoni sbrindellati. Il rock è una cosa nata per spingerti a uscire di casa o semmai a rintanartici con le cuffie in testa per isolarti volontariamente in momenti di particolare paranoia, non per stare davanti alla tv. E poi, per un artista, il passaggio televisivo è semmai un punto d'arrivo. Ecco perché non capisco come chi si è inebriato di concerti in centri sociali, pub piccoli e sudati, parchi e campi in terra battuta possa amare, o semplicemente considerare godibile e/o positivo, X Factor.

lunedì 9 marzo 2009

Su coraggio

Che poi chissà cosa c'è dietro il rifiuto di De Bortoli all'inutile presidenza della Rai. Però, il fatto che oggi in Italia c'è chi dice no a una poltrona tanto prestigiosa quanto effimera e pilotata infonde coraggio.