lunedì 8 giugno 2009

A spanne

Dai risultati delle Europee mi sembra si possano trarre un paio di conclusioni:
1) Leader cercasi. C'è una fascia di elettorato attorno al 43% abbondante (cresciuta di un po' rispetto a un anno fa) che si colloca al di qua di B. e che, al di là dei proclami dei leaderini delle liste che ha scelto, voterebbe per uno schieramento-alleanza-raggruppamento o chiamatelo-come-volete che si candidasse a governare seriamente, se solo si trovasse qualcuno in grado di metterlo insieme. Di Obama ce n'è uno, d'accordo, ma tenuto conto che l'ultimo che è riuscito in un'impresa del genere è stato Romano Prodi, che in quanto a carisma non è proprio un portento, ci sarebbero discrete possibilità di farcela. Avanti, c'è posto. Astenersi perditempo (tipo Rutelli), guastatori (tipo D'Alema e i suoi e Veltroni e i suoi). Necessario anche un minimo di aplomb: Di Pietro non si scaldi, non fa per lei.
2) In fuga da B. C'è un'Italia che al di qua di B. non voterà mai e che per questo ha scelto di nuovo B., nonostante ormai il ridicolo sia la cifra prevalente. Ma è in parte la stessa Italia che laddove ha trovato alternative dal suo punto di vista (vedi Udc, vedi Lega) si è allontanata da B., il cui partitone, che tremare il mondo fa(ceva), si è fermato a una percentuale inferiore alla somma di quelle raccolte da Fi ed An alle elezioni politiche del 2006, che non andarono proprio benissimo per B. e i suoi. Che B. abbia imboccato la fase discendente della parabola? Che il suo faccione e le sue mirabolanti avventure stiano diventando ingombranti per Fini e i suoi?

1 commento: