lunedì 26 gennaio 2015

Syriza

Syriza ha vinto, viva Syriza. Ma Syriza ha assai poco a che vedere con quello che succede da noi. È bene saperlo. Syriza non è un'accozzaglia di nomi, sigle, personalismi vari e comparsate a “Porta a porta” per parlarsi intorno all'ombelico. Syriza è un animale strano, mai visto da queste parti. Assomiglia più a un centro sociale decente che a un partito. Avete mai visto da noi, in Italia, Sel o Rifondazione (il Pd lasciamolo perdere per definizione) che trasformano una delle loro sedi in mensa popolare?, li avete mai visti partecipare alla creazione di ambulatori in cui medici volontari offrono gratuitamente lo loro professione per curare chi ha perso il diritto alla sanità pubblica?, li avete mai visti organizzare una raccolta di farmaci? No, quella è roba da volontariato, in Italia, che non c'entra nulla con la politica (in Italia). E che anzi la politica della nostra sinistra radicale guarda spesso dall'alto in basso.
Invece la radicalità di Syriza deriva da qui. È poggiata saldamente sul fare. Per questo Syriza è credibile al punto di arrivare a governare un paese dopo aver vinto le elezioni. Quelli che oggi si sentono rinfrancati dal successo di Syriza sappiano che se c'è una via d'uscita questa passa per il fare. Cosa che loro non hanno mai praticato negli ultimi decenni.
Quelli che invece ridono sotto i baffi, quelli che guardano a Syriza come a una botta di folclore, quelli che pensano irrealizzabile quello che Syriza vuole; i più realisti del re, insomma, riflettano sul fatto che quel partito non è Tsipras che dice cose (sacrosante), ma ha ricevuto il mandato di milioni di persone affamate dalla cura della troyka (che avrebbe dovuto salvarli: si consultino i dati economici della Grecia prima e dopo l'intervento europeo) per invertire quella rotta. Si chiamerebbe democrazia, a meno che non la si voglia trasformare mettendola sotto la tutela di quattro ragionieri al servizio di eminenze grigie che ci stanno facendo dannare l'anima. A noi che l'abbiamo fatto i greci stanno dicendo che no, a loro non sta bene.

mercoledì 7 gennaio 2015

Su Charlie Hebdo

Non è un commento a mente fredda. Invidio chi ce l'ha in questo momento. È un modo per tentare di onorare la memoria di chi è morto. E quando quello che è morto lo stimavi parecchio, la cosa è più difficile e rischia di sfuggirti di mano. Però, pesando le parole - perché chi muore così non può essere sacrificato una seconda volta sull'altare della polemica da bar - qualcosa si può dire.

Ad esempio che uno dei modi migliori per onorare la memoria di chi praticava la libertà è continuare a praticarla; o cominciare, laddove non lo si fosse mai fatto: non è mai troppo tardi. Guardare la realtà sempre da un angolo diverso da quello da cui il potere (qualunque sia il potere) vuole che la guardiamo; giornalisti, impiegati, commessi o disoccupati che siamo. Tentare di tenere sempre a mente che il mondo lo spingono avanti quelli che preferiscono "morire in piedi piuttosto che vivere in ginocchio", come ha riassunto Charb, il direttore di Charlie Hebdo; quelli che s'inginocchiano perché pensano di stare più comodi, al massimo il mondo lo conservano, quando non lo peggiorano. Tenere in considerazione che praticare la libertà è difficilissimo, spesso anche se non si ha un fucile puntato contro, ma che questo non è un alibi per non cercare vie d'uscita.

Così non solo onoreremmo la memoria dei morti oggi. Costruiremmo le premesse per arginare quelli che vogliono zittire gli altri con la forza, li costringeremmo ad articolare pensieri che sfuggano al codice binario ("sì", "no"); a qualsiasi latitudine si trovano, qualsiasi religione professano o dicono di professare.

venerdì 2 gennaio 2015

L'anno dei due Mattei

Quello che abbiamo appena salutato sarà ricordato come l’anno di Renzi e Salvini. Il 2014 ha già presentato ricorso alla Corte europea per i diritti dell’uomo con la motivazione che «dodici mesi non possono subire un’offesa del genere». Ma la conferma arriva anche dagli astronomi del Cern di Ginevra, che avevano previsto che la notte del 31 dicembre si sarebbe potuto assistere a un fenomeno unico nella storia dell’umanità. Le stelle del Grande carro si sono posizionate in maniera da comporre un gigantesco gesto dell’ombrello astrale visibile solo dall’Italia, proprio a coronamento dell’anno appena trascorso.

Renzi e Salvini potrebbero sembrare emersi dal nulla, vista la consistenza. Eppure dietro di loro ci sono genitori che nonostante tutto non li hanno ancora disconosciuti e, soprattutto, anni di dura gavetta (le esperienze alla “Ruota della fortuna” e al “Pranzo è servito” su tutto) e fior di consulenti di immagine, anche se nessuno di questi ultimi se la sente di ammetterlo pubblicamente.

Ecco alcuni dei lati segreti dei due Mattei consacrati nell’anno che stiamo lasciando, che svelano meglio la loro personalità. Fate attenzione: si tratta di due personaggi che hanno portato il loro omonimo più famoso, l’estensore di uno dei Vangeli, a esprimere il seguente giudizio: «Cazzo, duemila anni di buon nome sputtanati nel giro di pochi mesi!».

1) Anni fa, Salvini rischiò l’espulsione dalla Lega perché fu sorpreso a leggere un libro alla festa di Pontida mentre Bossi a torso nudo disossava un daino con la sola forza delle mascelle, dando prova di maschia padanità. Salvini rispose da par suo ingoiando il volume. Fu fortunato perché si trattava di una rarissima pubblicazione con i pensieri di Mario Borghezio (due pagine in tutto). Da quel momento i militanti della Lega videro in lui il vero erede del fondatore del partito. Nello stesso periodo un giovanissimo Renzi, deriso dai compagni del campo scout perché aveva appena tentato di accendere il fuoco sfregando il fiammifero dalla parte sbagliata, commosse tutti con il suo primo vero discorso politico: «Scusate – disse – io vengo dalla Toscana e lì si fa tutto al contrario perché governano i comunisti, ma un giorno cambierò tutto, ve lo prometto».

2) Le foto di Salvini nudo sono comparse dopo che il leader della Lega ha scoperto con raccapriccio che gli abiti contenuti nel suo armadio erano tutti extracomunitari senza permesso di soggiorno (bengalesi, cinesi, indiani, nepalesi) e gli ha dato fuoco. Perché Renzi si sia fatto fotografare da “Chi?” col giubbotto di pelle alla Fonzie è invece una cosa che sfugge all’umana comprensione, tanto che una domanda sulle possibili cause è stata inviata sotto forma di segnali radio alla sonda Rosetta, confidando che nello spazio ci sia qualcuno in grado di rispondere al misterioso interrogativo.

3) Salvini sorride sempre perché di nero non vuole avere neanche l’umore. Quando si chiede a Renzi di che umore è, lui risponde: «Rosè», in modo che non si possa dire né che sia bianco né che sia rosso.

4) Salvini vuole aiutare i rom a casa loro perché i rom una casa non ce l’hanno. Renzi vuole creare lavoro aiutando i datori di lavoro a licenziare.

5) Salvini parla alla pancia degli italiani. Renzi pure. Entrambi, per fare colpo, hanno espresso anche la volontà di versare cibo nelle orecchie, ma sono stati dissuasi dai rispettivi staff.

6) Renzi ha una moglie, Salvini ha una compagna. Non c’entra niente con loro, ma questo è un ottimo motivo per i single alla ricerca di un partner non disperino.

7) Salvini ha capito solo da poco che il profilo facebook non ha a che fare con gli antichi egizi, a Renzi hanno svelato di recente che i provvedimenti legislativi possono avere un numero di caratteri superiori a 140.

8) Renzi sembra Berlusconi; Salvini, ai più attenti osservatori, ricorda Alvaro Vitali.

9) Salvini è nato nel 1973, Renzi nel 1975. Date che stanno portando molti a valutare che gli anni Settanta potrebbero non essere stati solo di piombo.

10) Alcuni politologi teorizzano che Renzi e Salvini sono due facce della stessa medaglia, altri aggiungono: «Pensa che culo, se è così tra loro non sono mai costretti a guardarsi».

venerdì 21 novembre 2014

La bufala razzista delle case popolari

La storiella dei cittadini italiani penalizzati nell'assegnazione delle case popolari rispetto agli stranieri è una panzana di dimensioni direttamente proporzionali alle volte in cui viene periodicamente reiterata, che sono tantissime. Tradotto: è una frottola gigantesca.

Poiché agli alloggi popolari si accede in base al livello di difficoltà materiale in cui si vive, ad essere più svantaggiati sono coloro che quelle case le ottengono. Chi non accede al servizio, evidentemente  non sta tanto male quanto quelli che "vincono" l'appartamento.

Chiarito quello che è evidente anche a un miope senza occhiali, c'è però un particolare non indifferente. Nonostante chi rimane fuori stia un po' meglio di chi la casa la ottiene, ciò non vuol dire che stia bene. Di qui il possibile e legittimo sconforto quando si continua a essere condannati a pagare affitti insostenibili per garantirsi un tetto sopra la testa, cosa che in una società degna di nome sarebbe un diritto inalienabile.

Il fatto è che quello sconforto esonda quando esponenti politici - che in genere di tetti sulla testa ne hanno più d'uno - lo gonfiano ergendosi a paladini dei diritti dei "più deboli", e si trasforma in risentimento livoroso dei deboli italiani verso gli uguali a sé nati in un altro paese.

Tecnicamente questo si chiama razzismo. Che è il trattare in maniera differente in base all'etnia persone che si trovano nelle medesime condizioni. Per di più, facendole sentire diverse - quelle persone che invece sono uguali - si impedisce che si riconoscano le une con le altre e che rivendichino insieme il diritto alla casa contro chi di fatto glielo nega.

Non a caso nell'agenda politica dei "gonfiatori di sconforto" non troverete mai la voce "intervento pubblico a sostegno dell'edilizia popolare". Ci sarà invece di sicuro la "revisione dei criteri di assegnazione degli alloggi popolari". Che è un po' come tentare di curare un'emicrania tagliandosi la testa.

Si potrebbe anche credere alla buona fede di quelli che vogliono rivedere i criteri di assegnazione degli alloggi popolari quando dicono di non essere razzisti. Forse sono affetti da semplice insensatezza. Che però è compare stretta del razzismo, che da lei si genera.

martedì 11 novembre 2014

Il disco di Edda

La cosa che mi dispiace del disco di Edda ("Stavolta come mi ammazzerai?") è che non posso ascoltarlo in macchina coi miei figli, come è accaduto (finora) con (quasi) tutta la musica che ascolto. Le liriche troppo esplicite, uno dei segni distintivi di un disco viscerale, mi suggeriscono un ascolto solitario.

Probabilmente non è il disco più bello in cui mi sono imbattuto. Ma è bellissimo. E mi ha provocato qualcosa che mi era finora capitato solo con i film che più mi colpiscono: quello di aprire gli occhi la mattina successiva alla visione e sentirsi ripresentare in testa una delle frasi dette lì, un sussulto, una scena; e allora riavvolgere idealmente la pellicola (mandare indietro il cd, in questo caso) e chiedersi cosa voleva dire questo o quello. Tentare di collocarlo nel posto giusto, se ce n'è uno. È per questo che ne scrivo, trovandomi ad abborracciare una recensione che non ho mai fatto. Genere che in linea di massima non prediligo e di cui non mi fido, perché gli ascolti e le visioni sono troppo intimi per essere trasmessi con le parole.

Ma c'è un altro motivo per cui ne scrivo. Anzi, è forse questo il preponderante. Parlandone con persone che ascoltano un certo tipo di musica (non i Modà, per capirci), mi è capitato di constatare diverse volte che Edda non si sa chi sia. Non ve lo dirò io; Edda stesso dice di essersi «rotto i coglioni» di raccontare la storia. Su Internet trovate un sacco di cose su di lui. E su Spotify trovate tutto "Stavolta come mi ammazzerai?". Ne parlo semplicemente perché i pochissimi che leggeranno 'sta cosa e non lo conoscono sappiano che esiste. E che ha fatto un gran disco.

Perché gran disco? Perché Edda ribalta tutto. Si e ci capovolge fino a trascinarci nei pressi di quel punto oscuro in cui i sentimenti cambiano natura e rischiano di diventare il loro opposto perché troppo forti. Edda sente l'imperfezione di cui siamo geneticamente portatori e puntando all'assoluto canta la lacerazione che c'è tra il qui e il là. E immerso nella lacerazione non si rende conto del bello che fa perché è preso a voler cambiare il brutto che è o pensa di essere. Che è il miglior modo di camminare avanti. Anche se il più sofferto. Lo sanno fare anche altri, mica solo Edda. Ma in genere sono più conosciuti di lui, che proprio per questo merita uno sconosciuto che ne parli, anche se a pochissimi altri.

E poi, e poi niente. Basta recensionismi. "Stavolta come mi nammazzerai?" è un disco che spacca. Cantato, suonato e prodotto benissimo. Lontano mille miglia dai conformismi (anche dagli anti-conformismi, conformismi a loro volta). Vale mille ascolti, ecco tutto.

sabato 8 novembre 2014

Renzi: «No a biondi e mori, la verità sta nel mezzo»

«La sinistra resterà minoritaria fino a quando non capirà che per vincere occorre diventare di destra». È il concetto forte che i collaboratori più stretti di Renzi, tra i quali figura ora anche un tablet dissidente dei Cinque stelle, hanno messo a punto per la strategia comunicativa del premier nei prossimi mesi. Una campagna che, al di là delle abituali ospitate nel salotto di Barbara D’Urso, prevede mezzi che vengono definiti «non convenzionali» dallo staff. Il premier sarà intervistato dalla particella di sodio dell’acqua Lete, che in un autentico colpo di teatro finale verrà invitata a entrare nella direzione nazionale del Pd per superare la solitudine. Renzi spunterà poi come sorpresa dall’ovetto Kinder e si monterà la testa da solo con grande stupore del bambino co-protagonista dello spot. Infine, dialogherà con Banderas per capire se il modello dell’aia del Mulino Bianco è riproducibile nelle aziende.

L’altro punto forte è quello del superamento della rappresentanza del mondo del lavoro. «Ormai a lavorare è una esigua minoranza di sfigati – confida Primo Aziendali, consigliere dell’area economica del premier – occorre puntare su altri target. Se continua così – prosegue Aziendali – potremmo tornare a occuparci dei disoccupati, che sembrano destinati a diventare maggioranza in tempi più rapidi di quanto noi stessi avessimo previsto». Ed è proprio a questo proposito che Renzi sta seguendo con attenzione la vicenda di Terni attraverso una serie di web cam installate in punti strategici della città.

Sul lavoro però, la minoranza del Pd è riuscita a strappare un compromesso agitando lo spettro della scissione (il quale è poi crollato su Cuperlo, ferendolo, visto che Fassina e Civati che se lo stavano litigando se lo sono lasciati sfuggire). Il partito, per mostrare la sua vicinanza alle fasce più colpite dalla crisi, avvierà una campagna pubblicitaria con maxi manifesti che verranno affissi in tutte le principali città in cui campeggerà lo slogan: «Cerchi il posto fisso? Lavora su te stesso».

Ma la linea è chiara. «L’attenzione – dice Totò Stock Option, guru italoamericano ingaggiato da Renzi – va spostata su altre categorie, che se adeguatamente rappresentate possono garantire la maggioranza per anni». A questo proposito circola a Palazzo Chigi una lista di possibili target:

Evasori fiscali. Il loro numero è difficile da calcolare, ma si tratta comunque in Italia di un patrimonio inestimabile. Si pensa a misure che potrebbero interessarli: lo scontrino che si autodistrugge, la depenalizzazione della fattura su carta semplice e la segnalazione ai servizi sociali per chi si rifiuta di pagare in nero.

I tifosi della Juventus. Sono tantissimi in tutta Italia. Basterebbe una norma votata dal Parlamento che gli riconsegni gli scudetti vinti nell’era Moggi per assicurarsi il loro consenso. Si prevede anche un decreto legge della massima urgenza che verrà approvato da uno dei prossimi consigli dei ministri, in cui Andrea Agnelli verrà insignito del titolo di presidente più simpatico della serie A.

I castani. Sono il fototipo più diffuso in un paese mediterraneo come il nostro. Assicurare la tintura di capelli gratis per chi comincia a vederseli ingrigire è una misura che peserebbe pochissimo sulle casse dello Stato ma avrebbe un impatto notevole sulle masse. Prevista anche una serie di spot di pubblicità-progresso: «Basta divisioni tra biondi e mori, la verità sta nel mezzo».

I possessori di smartphone. Crescono di giorno in giorno, soprattutto tra i giovani. Su questo Renzi non ha da imparare nulla, anzi. Ha già arringato i suoi in privato: «Non avete ancora capito perché faccio continuamente battute sull’iPhone? E non vedete che come posso lo poggio sul tavolo in bella mostra? Fatelo anche voi, non siate timidi. Ché può darsi anche che la Apple un domani ci sponsorizza il Governo e allora non ci batterà più nessuno».

venerdì 24 ottobre 2014

Eurochocolate, la negazione dell'evidenza

Ci sono parole e pratiche che hanno bisogno di confondersi nell'oceano del nulla che ci viene dispensato quotidianamente per essere accettate socialmente. Ad esempio, vocaboli che perdono prefissi: le controriforme diventano riforme per renderle accettabili come l'esatto contrario di ciò che sono. Definizioni travestite: una fiera viene trasformata in evento per conferirle formalmente quel tocco chic di cui è sprovvista nella sostanza. E termini che, nonostante siano il motore che spinge determinate iniziative, non vengono mai nominati quando quelle iniziative si tratta di descriverle: profitto è uno di questi.

Eurochocolate, la fiera in cui le multinazionali del cioccolato espongono le loro mercanzie nel centro di Perugia, ha molte delle caratteristiche che, nella fitta nebbia di nulla nella quale camminiamo, prendono le mosse da queste tendenze alla mistificazione, le quali messe insieme l'una all'altra contribuiscono alla negazione dell'evidenza. Cioè: una fiera in cui organizzatori e sponsor colonizzano come cavallette un centro storico secolare e puntano a fare profitto vendendo un prodotto, il cioccolato, la cui filiera di produzione ha ben più d'una macchia in termini di utilizzo di persone e territori, diventa il "dolce evento" che porta ricchezza alla città nella quale è ospitato e all'interno del quale c'è una sezione "buona", "equochocolate", il cui solo nome fa nascere sospetti: se una cosa è equa, perché relegarla a una sezione e non costruirci intorno l'evento stesso? Semplice: perché non si può. Perché la produzione del cioccolato delle multinazionali ha dei lati oscuri ben documentati ormai da una bibliografia e da una filmografia piuttosto consistenti. E, soprattutto, la produzione del cioccolato equo c'è: è quella praticata da decenni dai produttori e dalle centrali di importazione del commercio equo e solidale, che si chiama proprio così, non "eurocommercio" all'interno del quale c'è una sezione "equa". Quella gente lì, non a caso, non c'è dentro Eurochocolate.

Ma Eurochocolate e il radioso manager che la organizza non ci stanno. Vogliono appendersi al bavero della giacca la medaglia dell'equità, nonostante ciò sia impossibile, a meno che non si voglia negare l'evidenza. E la negano due volte l'evidenza: quando creano la sezione "equa", che per il solo fatto di esistere nega l'equità del resto dei prodotti in fiera. E quando dicono di portare ricchezza e lustro alla città.

Non si è mai riusciti a fare una stima attendibile della ricchezza che Eurochocolate porta alla città. I visitatori fanno per lo più "mordi e fuggi" e la stragrande maggioranza consumano all'interno delle centinaia di stand che si affastellano nell'acropoli, non negli esercizi commerciali che nell'acropoli ci stanno tutto l'anno. Di sicuro c'è invece il valore aggiunto che una cornice come quella del centro storico di Perugia conferisce a una fiera come Eurochocolate. Non a caso il manager che la organizza ha sempre rifiutato sdegnosamente il trasloco in altri spazi.

E anche l'argomentazione, usata di frequente, secondo cui Eurochocolate offrirebbe a Perugia una visibilità nazionale ha del posticcio: è come se si sostenesse che per essere notata al ballo, Cenerentola ebbe bisogno della matrigna e delle sorellastre. Perugia è la città di Umbria jazz e del Festival del giornalismo, questi si "eventi" che offrono alla città oltre a ricevere.

Ma perché negare l'evidenza? Perché non ammettere che Eurochocolate è una fiera messa in piedi per fare profitto, quando del profitto ormai è (quasi) unanimemente accettato che è "colui che tutto muove"? Forse perché la felicità, la giocosità che devono essere i marchi distintivi della fiera mal si accordano col frusciare delle banconote. Forse perché il profitto a volte stona. Soprattutto se è appannaggio di pochi. Soprattutto se è viziato da zone d'ombra, come quelle della filiera del cioccolato.

Questo paiono averlo capito prima di tutti i cantori del "profitto che tutto muove". I quali sanno per primi che il profitto non può essere la misura del tutto. E lo nascondono sotto abbondanti coltri di nulla. In modo che non si sappia troppo in giro.

venerdì 17 ottobre 2014

Odi et amo

Avrei voluto stare a Terni, stamattina. Ma non ho potuto. Però ho avuto la fortuna di poter essere non troppo lontano e non superare il limite di distanza che mi ha consentito di seguire la diretta della manifestazione da una radio locale.

Conosco piuttosto bene la città nella quale sono nato e cresciuto, anche se non ci vivo da decenni. Ne sono intriso, come chiunque ne è del posto dove ha pianto per la prima volta. Così non mi hanno stupito la valanga di persone in strada, i negozi chiusi dei commercianti solidali con gli operai. A sorprendermi stavolta sono state le voci rotte dall'emozione che ho ascoltato in radio e che ho rivisto poi nei tg dell'ora di pranzo. Le persone che iniziavano a parlare e non ce la facevano a finire e si allontanavano con la mano a coprire la bocca. Come succede ai funerali. Tante. Come è difficile vederne e ascoltarne a manifestazioni del genere.

Erano le voci di chi sa anche se non ha studiato. Di chi le cose non le vive sulla pelle ma ce le ha proprio dentro. Di chi ha avuto i nonni costretti alla fabbrica anche con la febbre quando ancora la “malattia” non era pagata e al lavoro c'andavi pure malandato sennò perdevi “la giornata”. E adesso ha i fratelli con la lettera «che te ne devi anna'» che incombe sulla testa.

Avrei voluto stare a Terni, stamattina. Anche se l'ho detestata quando da adolescente eravamo così pochi in strada la sera che la polizia ci chiedeva regolarmente i documenti e ci faceva incazzare. Anche se la musica non arrivava e per ascoltare i dischi che ti interessavano dovevi aspettare che qualcuno andasse a Roma a prenderli. Anche se non c'erano locali in cui suonare e in cui ascoltare qualcuno che suonasse.

Avrei voluto stare a Terni, stamattina. E oggi la ringrazio. Per le mancanze che mi ha dato da colmare. Per le scarpe buone che mi ha dato per camminare. E per avere le cose dentro, non solo sulla pelle.

sabato 4 ottobre 2014

Dalla crisi si esce con una app

La rivelazione di questi mesi di Governo Renzi è che i conti economici dell’Italia sono dotati di sentimenti: si deprimono ormai anche alla sola vista del premier. Tanto che lui, stizzito, non li prende più in considerazione: Senato, Province, articolo 18, ogni argomento è buono pur di non affrontarli. Della questione si è discusso in gran segreto nell’ultimo Consiglio dei ministri. La riunione è andata per le lunghe, anche perché all’inizio era stato chiesto al ministro dell’Interno di fare il punto. Alfano si è allora imbronciato e non ha proferito parola. Si è andati avanti così per qualche minuto, fino a quando il leader dell’Ncd, scorgendo l’incredulità dipinta sul volto dei colleghi, ha chiesto: «Non sto facendo bene il punto? Volete che mi mostri più offeso?».
A quel punto Renzi ha lasciato la parola; lui è fatto così, la parola non la prende, la lascia uscire fuori di sé, così come gli viene. «Non crediate che il problema non mi stia a cuore», ha detto mettendosi la mano sulla parte sbagliata del petto per poi scusarsi: «Pardon, io sono un Maradona al contrario, lui è tutto-sinistro, io tutto-destro».
«Con il mio staff, all’interno del quale ho chiamato di recente anche il mio macellaio di fiducia, perché come taglia lui non lo fa nessuno – ha proseguito Renzi – siamo stati ultimamente molto impegnati nel fare la fila per comprare l’iPhone 6. Ma è un’operazione fatta a fin di bene. Con i nuovi smartphone andremo alla ricerca della app giusta per imboccare la via della crescita». La diagnosi che il presidente del Consiglio e i suoi fedelissimi (Richie Cunningham, Potsie e Sottiletta) fanno della crisi è infatti questa: la recessione è dovuta al fatto che qualcuno ha chiuso l’economia tra due hashtag, così: #economia#. «Occorre trovare il modo per togliere il cancelletto di destra e l’Italia tornerà a crescere. Ma per fare questo non servono vecchie ricette, dobbiamo guardare al futuro: la soluzione è qui», ha scandito il premier tirando fuori dalla tasca lo smartphone nuovo di zecca e poggiandolo sul tavolo.
È stato a quel punto che è intervenuto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan: «Ma non avevamo detto di chiedere all’Europa di concederci più margini nel patto di stabilità?». «Pier Carlo – ha risposto Renzi – ho parlato con la Merkel e mi ha detto che non è disposta neanche a darci una vocale o una consonante per completare il tuo cognome». «Perché non proviamo aizzandogli contro Giovanardi – è intervenuto il ministro Lupi – quello a suon di cazzate la stordisce e magari alla fine, se non altro per sfinimento, qualcosa riusciamo a spuntare». Ma le esternazioni di Giovanardi sono state di recente inserite nell’elenco di armi non convenzionali, come ha ricordato la ministra della Difesa Pinotti segnalando che «correremmo il rischio di una sanzione da parte dell’Onu».
Alla fine l’accordo è stato trovato su tre punti, illustrati dallo stesso Renzi, che diventeranno oggetto di un decreto sul quale il Governo si dice pronto a chiedere la fiducia, eccoli:
1)    Ridurre la settimana a quattro giorni, dal giovedì alla domenica. «Questo ci consente un risparmio di circa 150 giorni l’anno e inoltre quello è il periodo del weekend, in cui cioè la gente spende di più, l’ideale per rimettere in moto i consumi», si legge nel documento di Palazzo Chigi.
2)    Portare tutti gli italiani ad evitare di pensare prima di parlare; molti sono già sulla buona strada, mentre per i riottosi il Governo è disposto a mettere sul piatto degli incentivi. «Come si capisce, ogni attività risparmierebbe il 50 per cento delle risorse», è scritto nelle note che accompagnano il decreto. «E in più si guadagna del tempo che può essere impiegato al meglio per dire più cose, posso testimoniarvelo di persona», ha detto Renzi.
3)    Dire di essere di sinistra ma fare cose di destra. «Così si raccolgono consensi sia di qua che di là», ha concluso il premier allargando il sorriso e aggiungendo: «Pensa, io ho preso i voti di chi scese in piazza per difendere l’articolo 18 e lo sto abolendo come volevano quelli che hanno votato per anni Berlusconi. Alle prossime elezioni faccio cappotto».

venerdì 19 settembre 2014

Contro le catene

Sì, può sembrare snob criticare le cose che fanno tutti o quasi. Rischi di fare la figura di quello che «mi si nota di più se non vengo». Invece, nel caso di queste interminabili e auto-riproducenti catene di sant'Antonio, a tirarsela sono quelli che fanno la cosa che fanno tutti. Queste classifiche di dischi, film e libri hanno un unico merito: quello di riportarti alla mente "Alta fedeltà" di Nick Hornby (e quant'eri giovane quando lo hai letto). Per il resto sono una inutile (dannosa?) riduzione di complessità in un mondo che ha invece bisogno di riabbracciarla, la complessità, per ritrovare la misura delle cose (qualcuno mi deve spiegare come si fa ad amare la musica e la letteratura e chiuderle in dieci titoli). E sono un modo di tirarsela, di fare i fighi. Per rimanere alla musica, negli anelli di catena che mi è capitato di leggere ho visto solo disconi, unanimemente riconosciuti disconi, ascoltati dalla gente che ascolta buona musica. Ma se devi dire quali sono i dischi che ti hanno cambiato la vita devi fare uno sforzo in più. E ricordarti com'eri, come potevi diventare e come sei diventato. I Radiohead li scrivi per fare il figo, ammettilo. Invece la vita te l'hanno cambiata davvero la cassetta con i greatest hits dei Rolling Stones che rubasti dalla Fiat 500 rossa di tuo zio quando avevi i calzoni corti, quella che iniziava con Jampin' jack flash; o il fulminante "Io che non sono l'imperatore" che tuo padre ti faceva sorbire a quintalate ogni volta che entravi nella Lancia Fulvia col cambio al volante, mescolandolo con dosi più innocue di Lucio Battisti. E dovresti ricordare che prima dei memorabili 1984, Q, Aspetta primavera Bandini e via elencando, risparmiasti per non so per quante settimane per arrivare alle ventimila lire che ti consentirono di acquistare "Nessuno uscirà vivo di qui", la biografia di Jim Morrison senza la quale non sarebbero arrivati gli altri. Così come senza quel meraviglioso Bennato e quei Rolling Stones "dozzinali", saresti stato condannato a rimanere a vascorossi e non avresti mai conosciuto Nick Cave, Primus, Sigur Ros, Smiths, Paolo Benvegnù, Csi, Marlene Kuntz, Deus, Led Zeppelin, Cure, Afterhours e i mille altri con cui hai passato giorni e notti. E non saresti arrivato a un disco sublime, forse unico in Italia, "Conflitto", di Assalti Frontali e Brutopop, che non sono fighi per niente e non finiranno in nessuna classifica di nessuna catena figa fatta da gente che punta ad apparire figa, anche se non lo ammette.