venerdì 28 ottobre 2016

Lo sciacallo renziano che è in me e non lo sapevo

La vicenda da cui parto è personale, ma credo possa essere di interesse pubblico, per questo ne scrivo qui. Le considerazioni cui mi ha portato sono diverse, cercherò di essere schematico per illustrarle tutte nel tentativo di non essere dispersivo.

1) L'altroieri ho postato sui miei profili facebook e twitter la seguente frase: “Niente più terremoto. #bastaunsì”.

2) Si tratta ovviamente di una battuta, come capisce chiunque sia in grado di leggere senza ottundimenti.

3) La battuta ha come oggetto della critica un certo tipo di propaganda dei favorevoli alle riforme costituzionali volute dal governo Renzi - tanto da usarne il claim “bastaunsì” in maniera volutamente paradossale e rovesciata - secondo la quale una volta che vincessero i Sì, gran parte dei problemi italiani si risolverebbe automaticamente.

4) La battuta è anche il tentativo di sostenere che non è di riforme costituzionali che l'Italia ha bisogno, bensì di piani di recupero idrogeologico e antisismico, di investimenti per ricerca, innovazione, lavoro buono, eccetera.

5) La battuta non offende minimamente le vittime del terremoto, anzi. Il dramma è usato come una leva per criticare il potere. Non – sia chiaro - per dire che se ci sono stati il terremoto e i danni è colpa di Renzi. Ma per sostenere che le priorità di questo paese sono altre e che se uno vuole cambiare verso non è dalla Costituzione che dovrebbe partire, come ahimé ci ricordano ciclicamente le calamità cui siamo sottoposti.

5b) (Spiegare battute è umiliante per chi parla e/o scrive e per gran parte di chi ascolta e/o legge, ma visti certi tipi di uditorio ho imparato che a volte è necessario).

6) La battuta è stata capita e apprezzata da alcuni. È stata capita e non apprezzata, presumo, da altri, come capita.

7) La battuta è stata clamorosamente non compresa da altri che hanno preso e suppongo stiano continuando a insultarmi su twitter.

8) Cioè. Insultano non me, ma ciò che pensano che io sia. Cioè un sostenitore del Sì, renziano, che ha sfruttato il terremoto per fare una propaganda da sciacallo.

9) Chi ha avuto la pazienza di arrivare fino qui, starà dicendo tra sé: “Non è possibile”. Invece sì, se volete guardate qui.

10) Ora. Chiunque non sia ottuso, capisce che solo una persona fuori dalla realtà potrebbe pensare di propagandare una riforma costituzionale attribuendole il potere di bloccare i terremoti. E se non sei ottuso, una persona fuori dalla realtà la lasci lì, o se la vuoi aiutare la porti da un buon medico.

11) Invece i flamer del No su twitter si sono concentrati su questo presunto sostenitore-sciacallo del Sì, nonché coglione, coprendolo di insulti.

12) La stragrandissima maggioranza di loro non si è premurata minimamente di andare a vedere i tweet precedenti, così da approfondire la conoscenza virtuale dello sciacallo-coglione. Alcuni hanno compiuto, sì, lo sforzo di andare sul profilo, ma vinti dalla fatica si sono fermati sul fatto che lo sciacallo si definisse “giornalista” e hanno usato il residuo di energia per ironizzarci sopra.

13) Pochissimi hanno invece tentato di approfondire e dopo aver affrontato l'immane sacrificio di leggere alcuni dei tweet precedenti hanno realizzato, dopo ore, che il presunto sciacallo non è in realtà né un sostenitore del Sì, né renziano.

14) Ma la fiamma dei flamer non si è spenta. Il coglione-sciacallo rimane tale. Difficile inserire la retromarcia quando il piede è sull'acceleratore schiacciato. Così, da sostenitore sciacallo del Sì, l'autore della frase è diventato uno che dovrebbe stare comunque zitto e/o uno che da giornalista non si dovrebbe permettere certe cose o di ironizzare sui terremotati (il tutto, si badi, senza aver mai letto una riga di quello che il giornalista scrive).

15) Insomma: la gran parte dei flamer che ho involontariamente attirato si dividono tra chi tuttora crede che l'autore di “Niente più terremoto. #bastaunsì”, sia un agit prop renziano e chi ne ha capito la reale identità ma non ammette che gli insulti erano mal riposti perché è venuta meno la presunta causa che li ha generati.

16) I flamer si sono concentrati su twitter. Su facebook si è capito che la frase voleva essere una battuta. O comunque non si sono accesi incendi di insulti. Perché? Se avete pazienza e fate uno sforzo, siamo alle conclusioni.

17) Perché su twitter, che passa per il social più “intellettuale”, c'è un anonimato di fatto che fa scattare la psicologia del branco. Su facebook, per quanto virtualmente, si è amici, difficilmente si vedono insulti diretti sulle bacheche altrui. Gli insulti ci sono, ma vengono scambiati nei cosidetti “gruppi”, dove si scontra gente che non è amica neanche virtualmente. Su twitter questa dinamica è la normalità: chiunque può insultare chiunque. E il fatto di non essere “amici” o “follower” e poterlo fare amplifica a dismisura il fenomeno.

18) Non sto dicendo che twitter e i social sono “il male”. Anzi. Sono, possono essere, strumenti preziosi e io ne faccio uso anche per lavorare. Il male è là fuori, lo sappiamo, e la rete è uno degli strumenti attraverso cui si manifesta. Però l'anonimato virtuale fa scattare una psicologia da branco dentro il cui vortice ci si sente in diritto di dire qualsiasi cosa. E i social questa dinamica la moltiplicano. La riprova è che io (o lo sciacallo renziano per cui mi hanno scambiato) in tutta la mia vita vera e non virtuale non ho mai preso direttamente - in faccia, dico - la caterva di insulti che mi è stata e mi continua in queste ore ad essere riservata.

19) Che utenza è quella che da un tweet, peraltro non capito, non si premura di tentare di approfondire, non lascia perdere, al limite, ma si precipita ad insultare? Non sto parlando di un singolo, ma di decine e decine di individui, cosa che tratteggia un fenomeno sociale. Insomma: quanto stiamo diventando (o siamo già diventati) marci? Quanto ci rifiutiamo di capire? Quanto siamo pigri? Quanto il web incentiva la pigrizia? Quanta frustrazione, disagio, fastidio ci sono dietro questo schermarsi e insultare?

20) Voterò No, convinto, al referendum. Ma gli ottusi flamer di twitter ieri mi hanno ricordato, qualora ce ne fosse stato bisogno, che non sto dalla parte del bene. E che dalla parte del Sì non sta il male. Che con me voterà No gente che io ritengo contribuisca a rendere invivibile l'ecosistema nel quale stiamo tutti. Ecco, la vicenda di ieri mi ha ricordato che è tutto molto più complicato di come appare, e a volte più semplice. Che è un'ulteriore complicazione. Ma che comunque bisogna tenere aperta la porta alla complessità. E lasciare i manicheismi rassicuranti ai flamer già stanchi dopo aver letto una riga.

E niente, se siete arrivati fino qui, siete degli stoici.

mercoledì 27 aprile 2016

Il giornalista, poverino (la dittatura del reale)

Giorni fa un quotidiano ha pubblicato un'intervista a una persona eletta in Parlamento che è stata definita così dall'intervistatore: “Modi gentili e pragmatici di chi ha lavorato una vita tra gli imprenditori”. L'episodio ha una valenza generale che prescinde da chi ha scritto, da chi ha pubblicato, e dall'inconsapevole persona intervistata. Perché come tutte le cose che danno assuefazione ma sono tossiche, quella frase appare innocente, o meglio - anzi, peggio - come una neutra presa d'atto. E invece è la dimostrazione di come il veleno entrato in circolo gradualmente ha pienamente dispiegato i suoi effetti sulla vittima. La vittima è innanzitutto il poverino che ha scritto una cosa del genere, e poi per il suo tramite tutti i lettori sprovvisti di barriere immunitarie in grado di identificare il veleno e isolarlo. Provo a spiegare perché.

1) I “modi gentili e pragmatici” vengono automaticamente estesi dalla singola persona a una intera categoria. Ne consegue che tutti coloro che “hanno lavorato una vita tra gli imprenditori”, e quindi tutti gli imprenditori, sono baciati dalla grazia di essere dotati di “modi gentili e pragmatici”. Ciò vale anche per chi, pragmaticamente e gentilmente, fa firmare alle donne che assume lettere di licenziamento in bianco allo scopo di utilizzarle in caso di maternità; per chi, pragmaticamente e gentilmente, smaltisce rifiuti pericolosi inquinando acque e terre e avvelenando popolazioni; per chi, pragmaticamente e gentilmente, evade massicciamente le tasse; per chi, pragmaticamente e gentilmente, sfrutta il lavoro nero.

2) Essendo propri di quella categoria, al limite dell'esclusività, si deduce che secondo l'estensore della definizione, “i modi gentili e pragmatici”, non possono essere propri delle persone che non fanno parte del gruppo cui lui li attribuisce. Se uno, per dire, scrive: “Ha il fiato e le gambe di un maratoneta”, vuole indicare una persona che ha proprio quelle doti, frutto di anni di allenamento; chi non corre maratone è escluso automaticamente dai detentori di quelle qualità. La conclusione più corretta sarebbe insomma che chi “ha lavorato una vita” tra i commercianti, gli infermieri, i geometri, gli spazzini, gli studenti, eccetera, o chi è addirittura disoccupato, non è tra quelli che, di diritto, si comportano “gentilmente e pragmaticamente”. Potrebbe rientrarci, forse, ma deve dimostrarlo, non facendo parte degli imprenditori.

3) La gentilezza non è stata mai fatta discendere dal fare impresa. In nessun saggio di economia si è mai letta una cosa del genere, mentre c'è chi ha autorevolmente parlato, riferendosi al comportamento di chi opera sulla scena economica, di “spiriti animali”. Sul pragmatismo c'è qualche margine in più. Anche se ci sono imprenditori che falliscono, alcuni anche più volte. Difficile descriverli con l'aggettivo “pragmatico”.

Perché, allora, l'estensore dell'intervista è incappato in una leggerezza del genere? Perché, poverino, lui è intimamente convinto che gli imprenditori siano tutti, o quasi, “gentili e pragmatici”. È stato per così tanto tempo esposto alle radiazioni tossiche del racconto che va per la maggiore - e non si è mai posto il problema di prendere le distanze, perché tutto sommato pensa che in quella posizione egli possa godere di qualche piccolo agio – da essere diventato egli stesso propagatore di tossicità.

Nel corso di quella vera e propria controrivoluzione iniziata più o meno una quarantina d'anni fa, è stato divelto qualsiasi appiglio che colleghi il nostro essere qui e ora alla possibilità di trasformarci in altro, noi e quello che abbiamo intorno. Siamo nella “dittatura del reale”, in cui, come in ogni dittatura, comandano in pochissimi e l'oggi tende a raccontarsi come perpetuo. Questa “dittatura del reale” si nutre di diversi ingredienti e dopo aver strangolato la politica come strumento di esercizio, seppur parziale e perfettibile, di potere del popolo, oggi ha i suoi altari da venerare. Uno di questi è la bontà dell'impresa. O meglio, della logica del fare profitto. A prescindere. Di qui discende, come un automatisno, la definizione rozza - e nella sua rozzezza semplificatoria ben adatta a essere utilizzata come metafora degli atteggiamenti in questi tempi amputati - “modi gentili e pragmatici di chi ha lavorato una vita tra gli imprenditori”. Si tratta di una violenza semplificatrice che si abbatte sulla realtà stessa, perché anche solo ricorrendo al semplice buon senso si capisce che non ci sono un solo tipo di impresa, un solo tipo di imprenditori. Ma da chi è impregnato di tossicità è difficile ottenere la lucidità del buon senso.

Una delle poche cose che si può tentare di fare è spendere parole per arginare la tossicità messa in circolo da questa “dittatura del reale”. Che ha mezzi formidabili per distorcere interpretazioni e obiettivi. E porta le persone a scatenarsi genericamente contro “la politica”, vista come madre di tutti i mali, e a non pretendere nulla dagli imprenditori, che rimangono tutti “gentili e pragmatici” anche quando migliaia di loro nomi in tutto il mondo vengono pubblicati in un elenco di maxi evasori fiscali. Anche quando la politica non esiste più, se la si intende come potere diffuso di trasformazione, essendo il potere concentratissimo in mano a pochi impegnati a diffondere il verbo del profitto dopo aver fagocitato politici, giornalisti e accademie e averli ridotti ad agit prop. Anche se qualcuno e qualcosa resistono.

lunedì 8 febbraio 2016

Gianni Maroccolo e noi

Ero tra i fortunati in platea al Teatro Studio di Scandicci, l'altra sera, per la prima di “Nulla è andato perso”, lo spettacolo in musica che celebra i trent'anni di attività di Gianni Maroccolo. Spettacolo in musica, sì, ché concerto - per quanto uno di concerti bellissimi ne possa aver visti a decine – è riduttivo. Ma non è della qualità dello show che mi preme parlare qui. Una performance che mescola trent'anni di musica, suggestioni, colori, atmosfere partoriti con persone diverse, alcune delle quali entrate nel palco-non palco del teatro (non c'era alcuna differenza di altezza tra musicisti e platea, non per egualitarismo inopportuno tra artisti e pubblico, ma quasi un invito a respirare insieme, o almeno a me piace pensarla così); una performance così, dicevo, che mette insieme tutta questa roba diversa come se fosse un disco uscito ieri, non ha bisogno dell'ennesima recensione che ne esalti la magia. E poi non sarei credibile. Maroccolo è clamorosamente presente in tutta la musica italiana di cui sono tuttora estasiato fruitore. Quella musica che - dipende da come la vivi, ma quando incappi in certi fenomeni a una certa età può capitare - non è esagerato dire che ti cambia la vita. Nel senso che, insieme a mille altre cose che entrano nel tuo frullatore esistenziale, ti porta a guardare le cose da un punto di vista spesso ostinatamente alternativo, a volere altro da quello che ti si propone davanti, a essere insopportabilmente snob, a volte, perché tu non ascolti, non guardi, non leggi quello che tutti hanno a portata di mano. A prendere strade troppo poco battute, a volte; ma proprio per questo a scovare perle, se sei fortunato. Ecco, insomma, uno che ha suonato nei primi tre dischi dei Litfiba, che poi ha dato vita ai Csi, che ha prodotto il primo cd dei Marlene Kuntz, che ha concepito una gemma come Acau, è del tutto plausibile che incarni qualcosa che va anche oltre la musica. E l'altra sera ho capito, o meglio, credo di aver messo meglio a fuoco perché. Che poi è semplice.

È che Maroccolo è un artista vero. Ce ne sono tanti. Ma seguendo il suo percorso, che si è manifestato in tutta la sua intensità l'altra sera - per le cose suonate, per come le ha suonate, per le persone con cui ha scelto di suonarle, per le cose dette con un filo di voce e con un curioso misto di ritrosia e voglia di manifestarsi - a me questa cosa che ho sempre pensato, è apparsa ancora più nitida e con una sua peculiarità. Ora però occorre chiarirsi sulla locuzione “artista vero”. Ce ne sono tanti, accennavo, di artisti veri. Molti di successo, altri condannati all'oscurità. Maroccolo sta nel mezzo. Non per un malinteso senso di medietà, sia chiaro. Ma perché lui è riuscito ad essere un musicista di un qualche successo senza mai concedere nulla agli affari che girano intorno all'arte. Si percepisce, si respira, ascoltandolo, che Maroccolo crede in tutto quello che fa e che ha fatto. Che non c'è nulla che faccia perché pensa possa piacere ad altri: il primo a cui devono piacere le sue cose è egli stesso. Potrà sembrare una banalità, ma di compromessi al ribasso per allargare il proprio pubblico è innervata la storia di qualsiasi arte. Maroccolo lo sa solo lui, ma credo davvero non ne abbia mai fatti, o se non altro non ne ha fatti di esiziali. L'artistone di successo (non faccio nomi per non urtare sensibilità, non degli artistoni che ovviamente non mi leggono, ma dei loro fan) ha la sua immagine, ha i suoi cliché che consapevolmente o meno riconferma. E fa successo. E tiene alto il mito. Fa successo, ed è un successo basato sulla qualità, per carità, ma che occhieggia anche al compromesso. All'opposto sta l'artista così coriacemente artista, così lontano dal percepire comune e dall'accordo col mainstream, che è magari costretto a fare altro per guadagnarsi da vivere, poiché non riesce a instaurare canali di comunicazione con un pubblico abbastanza ampio da poter vivere della sua arte. Maroccolo appartiene a quella schiera di grandissimi baciati dalla grazia di poter vivere della propria arte pur non avendola mai (mai) svenduta.

Ed è - qui sta il punto - questo stato di grazia ad avergli dato l'importanza che ha per il rock italiano tutto e per la platea piccola o numerosa che lo segue. È avendo fatto emergere da una tale profondità le sue produzioni, è avendole protette dalla corruzione ed essendo stato bene attento a preservarne l'intimità; è avendo scelto ogni volta la sua arte, che Maroccolo ha potuto dare le cose dell'importanza che ha dato. Viceversa sarebbe stato un bassista/musicista come tanti. Magari con un conto in banca più cospicuo, e anche più conosciuto, ma senza alcuna traccia lasciata dietro di sé. Buono per tre minuti di radio. No. È questo dar vita ai sentimenti che ha reso Maroccolo l'artista che è. Uno di spicco, pur essendo rimasto sempre dietro, sulle migliaia di palchi calcati a ruminare note e a consumare la vernice del suo basso (sempre quello, da decenni). Perché quando ascolti le cose che fa, se hai la fortuna di stare in sintonia con lui, sai che quelle cose sono frutto dell'arte, non del compromesso. Quindi autentiche, piene. Ed è per questa autenticità profondissima che si è potuto permettere di dare al suo spettacolo quel titolo: “Nulla è andato perso”. Dalla cantina di via dei Bardi, a Firenze, dove fondeva gli amplificatori insieme a quelli che avrebbero dato vita alla band più importante della new wave italiana fino al viaggio col compianto Claudio Rocchi. Nulla è andato perso per uno che ha sempre curato i canali che s'instauravano con le persone con cui si è messo a suonare. “Perché la musica se non la condividi non ha senso”, dice lui, ma la devi condividere con le persone giuste. Questo Maroccolo l'ha sempre saputo. E ci regala un esempio di fedeltà a se stessi tanto più pregnante in un mondo dove la regola è l'auto-amputazione, il compromesso al ribasso che ricaccia indietro e non consente di guardare lontano, ma al massimo di sopravvivere (e neanche tanto bene). Maroccolo insomma, questa è la sua grandezza che va ben al di là della musica, restituisce non solo la dignità, ma l'importanza ai sogni. Senza il nutrimento dei quali le cose che facciamo sono destinate a perire in fretta, a rimanere in superficie, a non lasciare segni perché prive di anima. Magari più facili e più adatte a piacere di più. Ma deprivate.

giovedì 28 gennaio 2016

La memoria ci fa buoni

C'è da sfidare accuse di vilipendio e di una qualche possibile lesa maestà, ma c'è del fondamento a sostenere che dietro la Giornata della Memoria si nasconde un bluff nel quale peraltro cadiamo volentieri. Tranquilli. Niente accuse di complotti giudaici, niente piatti usurati di bilance su cui mettere i morti di una parte e quelli dell'altra dell'infinito conflitto israelo-palestinese. E ancora, tranquilli: è stata sacrosanta l'istituzione della Giornata della Memoria e resta sacrosanta la sua celebrazione, ma ciò non toglie che sia un bluff; dirlo significa voler bene alla Giornata della Memoria, volerne serbare il cuore, non il contrario.

La Giornata della Memoria, la consacrazione di un giorno al ricordo dell'Olocausto, come tutti i riti, serve. Intanto a comunicare a bambini e ragazzi che c'è stato l'Olocausto. Serve a vederli uscire da scuola - se hanno avuto la fortuna di incappare in insegnanti decenti - con la faccia contratta e sentirli dirti: "Abbiamo parlato dei campi di concentramento". Serve a far muovere loro i primi passi nel confronto con gli abissi di cui l'umano è capace nella speranza che nella loro vita sceglieranno di colmarli con atti concreti, quegli abissi. Serve, può servire, a noi adulti a farci vergognare almeno un po' dell'utilizzo come epiteti di rabbino, zingaro, frocio, mentre per un giorno ricordiamo che furono le tre categorie principali che affollarono i campi di concentramento.

Poi però, comincia il bluff della memoria. Perché l'Olocausto, come tutte le pulizie etniche, aggiunge al fatto di essere un crimine quello di essere stato calcolato e seriale e, nel caso specifico, messo in atto da uno Stato. Non un omicidio, non l'uccisione di un nemico, non l'isolato gesto di un folle. Ma più di tutto questo messo insieme, portato avanti nel tempo con intelligenza e grande dispiego di risorse. E ciò, nella sua immanità, lo rende ineguagliabile e schiaccia tutti gli altri crimini, tutte le altre tragedie in posizione secondaria, li fa un po' meno gravi.

Ed è proprio nel rendere tutti gli altri abissi provocati dalla nostra umanità claudicante meno profondi che l'Olocausto, o meglio, la sua memoria, ci fornisce un alibi formidabile: noi non saremo mai capaci di renderci complici di una cosa del genere, noi non faremo mai una cosa del genere. Una cosa del genere è praticamente irripetibile e quindi noi ne siamo al riparo. È così che noi, ricordando l'Olocausto diventiamo più buoni.

Non solo. Qualsiasi dramma e/o tragedia, essendo non così grave come l'Olocausto, diventa non meritevole di attenzioni urgenti. Così abbiamo l'alibi non solo per non far nulla di fronte alla strage di persone che si giocano la vita pur di tentare di venire a migliorarla qua da noi; ma anche per discettare amabilmente mentre affogano o vengono torturate e violentate sull'altra sponda del Mediterraneo su come "regolare i loro flussi", manco si trattasse della pressione dell'acqua, perché "non si può mettere a repentaglio la nostra vita quotidiana". E quando qualche inguaribile utopista fa notare che il nostro è un atteggiamento disumano, ci solleviamo dinanzi alle argomentazioni dell'intellettuale realista di turno che ci toglie d'impaccio suggerendo che la storia, ahinoi, è costellata di sangue e tragedie e che gli Stati sono nati per difendere gli interessi dei propri cittadini eccetera... E anzi, le facciamo nostre quelle argomentazioni, nei dibattiti da social network o da salotto borghese in sedicesimi. E, ancora una volta, ci sentiamo buoni, sollevati da responsabilità che non ci riguardano, convinti di stare nel giusto. Però, permettete: un conto è parlare delle tragedie passate o di quelle attuali di cui non sappiamo; un conto è parlare di ciò che ci accade sotto gli occhi in termini di vita, tra una imprescindibile dichiarazione di Renzi e un anatema di Grillo.

Ora, per smascherare il bluff della Giornata della Memoria ci sarebbe da non trasformarla in esercizio di esorcismo, ma in presa in carico di responsabilità. Non serve a progredire specchiarsi nel male assoluto per dirsi: io sono meglio. Occorre piuttosto dirsi e dirci: che cazzo sta succedendo e perché? Perché la vita umana è diventata importante quanto lo spread, anzi meno? Perché le risorse pubbliche possono salvare banche e non vite umane? Perché? Ci condanneremmo a cercare risposte e forse ci sentiremmo meno buoni, meno rassicurati e così miglioreremmo. O forse no. Continueremmo a fare sermoni su quanto erano cattivi i nazisti e quanto oggi siamo progrediti noi.

domenica 27 settembre 2015

A proposito di GLF

Non condivido praticamente nulla di quello che Giovanni Lindo Ferretti va dicendo da qualche anno su religione, politica, immigrazione e altro (le ultime cose le ha dette nell'intervista al Fatto Quotidiano che sta diventando virale on line). Lo dico da persona che ha succhiato note e versi di Csi e Cccp fino a farne parte costituente di sé. E che ha anche letto alcune delle sue ultime produzioni.

Nella gran parte delle parole di chi critica Ferretti però, sento uno stridore fastidioso e (quasi) inedito. Perché da un lato sono quelle di chi in teoria la penserebbe più o meno come me, ma al tempo stesso mi pare poggino su basi inconsistenti che proprio per questo portano a derive fatue se non dannose. Si critica Ferretti da un punto di vista praticamente solo estetico. Banalizzando per capirsi: non sei più quello di un tempo; come si fa a cambiare la propria posizione fino a rovesciarla; eccetera...

È un tipo di critica che intanto nega l'umanità, che è cambiamento continuo, scarto, errore, caduta e ripresa; movimento insomma, anche se ci sembra sempre tutto uguale. E al tempo stesso non si confronta sulle idee, sulla loro qualità. E ciò non contribuisce a migliorare neanche le proprie, di idee, che vanno sempre sottoposte a verifica, per quanto si può; altrimenti si induriscono fino a diventare inerti.

Allora: io credo che Ferretti non sbaglia perché non è più quello che a noi piacerebbe che fosse. Ma perché quando parla di Stati che devono tutelare i propri cittadini prima e gli stranieri solo poi dimentica che le frontiere degli Stati sono ormai diventate porose a tutto: capitali (anche di provenienza criminale), merci, titoli obbligazionari, azioni. Gli Stati aprono (sono obbligati ad aprire in alcuni casi) le loro frontiere per approvare leggi finanziarie che vengono scritte altrove da persone di nazionalità diversa da quella di chi subirà gli effetti di quelle leggi. Solo per i poveri cristi le frontiere rimangono alte. E per questo io penso che le frontiere degli Stati siano un'invenzione utile solo a chi sta sopra e divide e impera, e non a chi (come la maggior parte di noi) sta sotto e ancora non l'ha capito poiché crede di stare sopra.

Io credo che Ferretti sbaglia perché non è un'argomentazione valida dire che "tanti giovani di destra venivano ai concerti dei Cccp e io devo loro riconoscenza". Questa è un'argomentazione estetica, alla quale si potrebbe rispondere: e allora perché non ti ricordi del tuo pubblico di sinistra? Ma è una banalità al cui confronto quelle di Giorgia Meloni sembrano le riflessioni di un gigante del pensiero.

Ferretti sbaglia perché secondo me la religione è spiritualità, e quindi fatto essenzialmente privato, intimo. Sbandierare la propria fede a me sa di pornografia dei sentimenti, per questo non amo le religioni istituzionalizzate, misto di pornografia sentimentale e superstizione. E soprattutto, sbandierare la propria religione in faccia ad altri è un po' come brandire un'arma. E a me le armi non piacciono, preferisco combattere con le idee.

Infine, Ferretti secondo me sbaglia perché la destra sta facendo di lui un idolo. E mi pare di ricordare che a lui non piaceva. E penso che su questo no, non dovrebbe aver cambiato idea.

sabato 4 luglio 2015

Tornare alla vita

Voteranno solo loro, ma il referendum dei greci riguarda tutti. Primo, perché è la prima volta nella storia che un popolo europeo si esprime sulla politica europea, a meno di non voler considerare le elezioni per il Parlamento europeo cui siamo chiamati ogni cinque anni, come qualcosa che abbia mai avuto a che fare davvero con le politiche di Bruxelles. Secondo, perché vista la posta in palio, il risultato di domani avrà di sicuro un effetto reale, in un senso o nell'altro: o la politica dei tagli sarà confermata (in caso di vittoria dei Sì) o si potrà affacciare qualcosa di diverso, in caso di vittoria dei No. Qualcosa di diverso in Europa, sia chiaro, perché al netto della propaganda pro-Sì, un'uscita della Grecia dall'euro è impensabile. Non la vuole Tsipras, che l'ha detto in tutte le salse; non se la può permettere l'Europa.

Se le cose stanno così, approcciarsi al voto di domani e alla questione greca e a quella europea con la calcolatrice in mano, appare quanto meno grottesco. Anzi, proprio un nonsenso. La Grecia che alcuni dipingono come un paese di “furbetti” è un posto dove grazie alle politiche dei tagli sono aumentate le morti perinatali perché si è tornate a partorire in casa per evitare i ticket all'ospedale introdotti dall'austerità; è un posto dove il governo dei “furbetti” vuol garantire le persone dal taglio dell'energia elettrica per morosità (ed è noto che chi non paga la corrente, con quei soldi va in vacanza in resort esclusivi, no?) e offrire trasporti pubblici gratis a chi è sotto una certa soglia di reddito; è un posto dove si fanno collette di medicine e dove si sono apprestate cliniche solidali in cui volontari curano chi non ha i soldi che oggi servono per garantirsi la salute. La Grecia siamo noi senza futuro, senza ambiente, massacrati dai tagli, che per rimozione ci sentiamo fighi perché tanto tocca a loro, un po' come facciamo coi migranti.

La Grecia però è un posto, l'unico in Europa, che anche grazie al referendum di domani ha rimesso al centro la vita delle persone invece che farle girare, le persone e le vite, attorno ai mercati. E per questo è un posto dove la parola politica è tornata ad avere il suo significato, laddove altrove è sinonimo di paralisi, incapacità di muoversi se non nella direzione imposta dai capitali che seguono i loro interessi indisturbati poiché gli altri, cioè noi - impauriti e resi ciechi della propaganda - i nostri interessi non sappiamo neanche più riconoscerli.

Voteranno solo loro, i greci. Ma siccome per la prima volta dopo decenni una consultazione popolare potrebbe incidere sulla vita di tutti, anche sulla nostra, io mi auguro che dicano No.

mercoledì 29 aprile 2015

Razzismo for dummies

Il razzismo è una malattia che si può prevenire. A patto che se ne riconoscano i sintomi. Il virus del razzismo è particolarmente ostico da debellare perché si incuba nell'organismo principalmente attraverso programmi televisivi e chiacchiere da bar e per lungo tempo non dà luogo a disturbi particolari. Quando i segni cominciano a manifestarsi all'esterno però, potrebbe essere già troppo tardi per intervenire. Per contrastare efficacemente il virus è quindi fondamentale riconoscere i sintomi appena vengono alla luce. Il vantaggio è che non servono visite specialistiche, si può ricorrere anche all'auto-esame. Ecco una mini-guida per riconoscere alcuni dei principali sintomi del virus razzista.

1) Iniziare una frase con «non sono razzista ma».

2) Estendere la colpa per il reato commesso da un singolo individuo all'intera categoria della quale l'individuo fa parte.

3) Blaterare contro chi attraversa il Sahara a piedi e sale sui barconi in Libia evitando di chiedersi come mai una persona mette a rischio la propria vita, pagando, per lasciare casa sua.

4) Ritenere più pericolosi per la propria vita un rom, un mendicante o un lavavetri invece di chi evade le tasse.

5) Essere convinti che una famiglia straniera che ottiene una casa popolare commette un furto, senza essere minimamente sfiorati dal sospetto che la rapina ai danni di tutti è che non ci sono case popolari per tutti quelli che non possono permettersene una.


venerdì 24 aprile 2015

La Liberazione è ribellione

Il rischio che il 25 Aprile si trasformi in un garrire fatuo di bandiere c'è praticamente da sempre. E se la Liberazione rimane intrappolata nella sua dimensione di rito - stanco e noioso come tutti i riti - è perché di essa non si riesce, non si è riusciti, a trasmetterne adeguatamente il valore costituente. Affinché le bandiere sventolino con un senso, occorre andare alla radice costituente della Liberazione.

Il valore costituente della Liberazione risiede nel suo essere stata un atto di ribellione a uno stato di cose inaccettabile. E come ha insegnato Camus, dietro ogni no c'è un sì: un passo verso la costruzione del mondo che si vorrebbe. Questa è la radice profonda della Liberazione, che in tal senso ha accompagnato la parte migliore della storia d'Italia della seconda metà del Novecento. Il voto delle donne, lo statuto dei lavoratori, i diritti civili sono stati altrettanti no per andare avanti. Sottesa alle battaglie per conquistarli c'era appunto la ribellione allo stato di cose precedenti e l'anelito a un mondo nuovo. Lo spirito della Liberazione.

Ma non è solo una questione di storia. Perché del valore costituente della Liberazione come atto di ribellione oggi si sente un bisogno vitale. Come può la nostra vicenda proseguire decentemente senza un atto di ribellione alla politica intesa nel migliore dei casi come esercizio di ragioneria?, come si può pensare di convivere decentemente se non ci si ribella all'idea di fortezza assediata a cui è stata ridotta l'Europa?, come si può pensare di costruire il futuro se non ci si ribella a un mercato che appalta e divora pezzi di vita (previdenza, sanità, scuola) rimettendo la vita al centro?, come, se non ci si ribella alla guerra tra poveri che viene imposta dalla narrazione dominante? E come si può pensare di ribellarsi con un minimo di efficacia se non ci si ribella all'atomismo imperante per tornare a ragionare collettivamente, perché solo collettivamente si possono affrontare questioni che riguardano il nostro vivere comune?

E se la Liberazione è ribellione, la Liberazione è sempre. Perché si rinnova di conquista in conquista, si modella sul tempo che scorre. Perché c'è sempre qualcosa a cui ribellarsi per guardare oltre l'ordine che ci viene raccontato come unico e immutabile. Cosa questa, che rende la Liberazione formidabilmente antitetica al fascismo, che al contrario è rigidità, staticità, ordine costituito. Cui ci si deve ribellare, sempre, per andare avanti.

giovedì 9 aprile 2015

Dopo la sentenza sulla Diaz, anche Cracco nel mirino della Corte europea

Dopo la sentenza che stabilisce che l'irruzione nella scuola Diaz nel luglio del 2001 va qualificata come tortura, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha in serbo altri clamorosi pronunciamenti nei confronti dell'Italia. Eccone alcuni.

1) Il riconoscimento delle unioni tra persone dello stesso sesso non pregiudica i diritti delle persone 9 eterosessuali.

2) Il vino di cattiva qualità, soprattutto se bevuto in notevoli quantità, può provocare l'emicrania.

3) Il crocifisso nelle aule delle scuole pubbliche non migliora l'efficacia dell'insegnamento.

4) Esporsi al sole senza crema protettiva può provocare fastidiosi arrossamenti della cute.

5) I tagli ai servizi, alla scuola, alle pensioni e alla sanità danneggiano chi ha redditi bassi, poiché chi ha redditi alti può continuare tranquillamente a farsi gli affari suoi.

6) Mangiare troppo può indurre sonnolenza.

7) L'evasione fiscale è un furto.

8) Quando si entra in una rotatoria, la precedenza va data a chi viene da sinistra.

9) La mafia ha prosperato grazie ai legami con il potere politico.

10) Uno chef che pubblicizza patatine fritte confezionate prima o poi dovrà rendere conto a Dio per quello che ha fatto.

sabato 28 marzo 2015

I ministri passano, le grandi opere restano


I ministri passano, le Grandi opere restano. Le dimissioni del titolare del dicastero delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, hanno anzi immediatamente dato luogo al commissionamento di un ulteriore progetto: la ricerca di una lega di metalli particolarmente resistente per procedere alla realizzazione di caschi di protezione per tutti coloro che pronunciano la frase «posso andare a testa alta» – utilizzata dallo stesso Lupi quando si è dimesso – senza curarsi delle conseguenze che ciò può determinare. Il progetto ha attirato l’attenzione di decine di investitori, allettati dal fatto che in Italia c’è un ragguardevole numero di persone che si trova in una condizione del genere, cosa che renderebbe la commercializzazione del prodotto un’attività assai redditizia. Ma nei cassetti del ministero ci sono altre ambiziosissime Grandi opere. Eccone alcune.

Risolvere la questione meridionale rovesciando l’Italia. Si tratta della più avveniristica opera mai progettata, che una volta messa a punto farà del nostro paese un’avanguardia mondiale. «Visto che anni di interventi e agevolazioni fiscali non hanno minimamente ridotto il divario tra Nord e Sud, noi ci proponiamo di invertire l’Italia», spiega Massimo Profitto, ingegnere che guida lo staff di progettisti. Si procederà così: una batteria di navi potentissime verrà legata al molo del porto di Genova e comincierà a tirare in direzione sud con lo scopo di staccare Liguria, Val d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino, Veneto e Friuli-Venezia Giulia dal continente europeo e trascinarle lentamente a sud facendo perno sul centro Italia, che resterà dov’è. Una volta compiuta la traslazione, Trieste farà da ponte con Tunisia e Libia, mentre Trapani diventerà crocevia degli scambi con l’Europa dell’Est. Soprattutto, Palermo, Napoli, Bari e il meridione tutto risentiranno del benefico effetto di essere avvicinati all’Europa. Il sud invece sarà finalmente trainato dalla locomotiva lombarda. Contestualmente, ad Aosta verrà realizzato un Cie per raccogliere i migranti provenienti dalla costa nord del Mediterraneo, mentre a Trento sorgerà il più grande mercato del pesce del Mediterraneo. Nessun problema per la mafia, che si trova già sia a Nord che a Sud. Resta da risolvere il problema della Sardegna, che andrebbe a sovrapporsi all’Albania. «Ma ciò potrebbe dar luogo a interessanti contaminazioni culturali», dicono i favorevoli all’opera, che sottolineano come tra l’altro il progetto non pregiudica affatto la realizzazione del ponte sullo stretto. «Cambia solo che a quel punto sarà Reggio Calabria, e non Messina, a dover essere collegata alla terraferma – chiosa Profitto – ma ciò mi pare secondario e non inficia in alcun modo la bontà dell’opera, che inoltre, dovendo durare diverso tempo, porterà con sé un notevole e benefico aumento dei costi di partenza».

Fare in modo che al Nord sia sempre inverno e al sud sempre estate. È il coraggiosissimo progetto del ministero del Turismo, in project financing con la cooperativa “Cambiamento climatico”. Presenta una serie di possibili effetti collaterali: la glaciazione del Po, la desertificazione del Tavoliere delle Puglie e di ampie zone di Molise, Calabria e Basilicata, e la definitiva scomparsa dell’agricoltura come l’abbiamo conosciuta fino ad oggi. Gli ambientalisti parlano di «genocidio ambientale». I favorevoli decantano le virtù di un’opera che consentirebbe all’Italia di sfruttare al meglio la sua vocazione turistica, con una perenne stagione sciistica nell’arco alpino e spiagge sempre col solleone da Roma in giù. Per di più l’opera ha il vantaggio di avere costi relativamente bassi: basterebbe agevolare l’effetto serra con l’incremento indiscriminato del traffico e delle emissioni nocive degli scarichi industriali e costruire un muro di diversi chilometri di altezza per collegare Montalto di Castro a Fano e bloccare così le correnti, al fine di creare in Italia due compartimenti climatici a sé.

Realizzare il tunnel di collegamento tra il Cern di Ginevra e il Gran Sasso. Si tratta di un’opera il cui iter è stato avviato all’indomani della celeberrima dichiarazione del 2011 dell’allora ministro Maria Stella Gelmini, secondo la quale il tunnel dei neutrini esisteva davvero e collegava le due località. Venne inserita nell’agenda delle priorità dal Governo dell’epoca motivandola con l’assoluta necessità di fare in modo che il ministro si riprendesse dalla figura di merda appena fatta, rendendo almeno verosimile quello che aveva detto. Chi vi si oppone sostiene che non si possono buttare miliardi così. La “Moltiplicasoldi spa”, associazione di imprese molto attiva nel settore delle Grandi opere, ha replicato attraverso i suoi addetti stampa così: «Di grandi opere che non servono a nulla o lasciate a metà è piena l’Italia, non si capisce dove sarebbe la novità».

Riuscire a far prendere una decisione a Civati. Si tratta solo del primo passo di un progetto che prevede due successivi stati di avanzamento: fare in modo che Gasparri arrivi a scrivere almeno un tweet ogni dieci senza insultare e far varare a Renzi una riforma che serva davvero e non sia solo di facciata. Gli esperti non nascondono le difficoltà. «Sono opere complicate, che per di più necessitano dell’apporto di diverse professionalità e di un lungo periodo di gestazione», ha spiegato Armando Maneggioni, amministratore delegato della “Costruzioni a prescindere” srl, una delle aziende col più alto numero di appalti pubblici nel palmares. «E poi – ha proseguito il manager – è assai difficile quantificare il ritorno economico: su un’eventuale decisione di Civati o su una dichiarazione decente di Gasparri non si può certo chiedere il ticket agli italiani, come si fa ad esempio per un tratto di statale trasformato in autostrada o per la sanità privatizzata. E se Renzi facesse una riforma che servisse davvero, non vi nascondo il rischio per imprese come la mia di chiudere il giorno dopo».